Nippo Vini Fantini esclusa dal Giro, appello a Federciclismo - L’amarezza della squadra italo-giapponese
 
 
 

Ortona   Sport 19/01

Nippo Vini Fantini esclusa dal
Giro, appello a Federciclismo

L’amarezza della squadra italo-giapponese

La squadra con il general manager Francesco Pelosi

C'è stata grande amarezza quando, all'annuncio delle squadre che parteciperanno al prossimo Giro d'Italia, è stato reso noto il non invito per la Nippo Vini Fantini. Per questo, la società del patron Valentino Sciotti, ha chiesto alla Federazione Ciclistica Italiana, attraverso il general manager Francesco Pelosi, di intervenire, "a supporto di RCS, per chiedere una deroga all’UCI ed allargare il numero delle Wild Card, come fatto nel 2011 per il 150° anniversario dell’Unità d'Italia. Reputiamo necessario un intervento forte per salvaguardare il Ciclismo Italiano e dare un'opportunità in più ad un team di matrice tricolore per il Giro100, il Giro che più di ogni altro unirà l’Italia e porterà il Made in Italy nel mondo. I team Italiani sono sponsorizzati da molte aziende Italiane, simbolo del Made in Italy, meritano di essere valorizzate nell’evento Nazional - Popolare più importante, alla sua 100ª edizione". 

Dal general manager della Nippo Vini Fantini c'è anche una secca replica alle dichiarazioni del Direttore del Giro d'Italia nello spiegare le scelte operate. "Sulla Gazzetta dello Sport il 19 gennaio a firma di Luca Gialanella Vegni dichiara: Lo stato di crisi del movimento italiano non nasce dalle scelte del Giro, ma dal fatto che questo movimento si sia alimentato per anni di un modello sbagliato: O faccio il Giro, o chiudo la squadra”. "E ancora: "Mi dispiace per l’Androni, ma dietro ci deve essere un progetto. E lo stesso vale per la Nippo, alla quale ho dato fiducia per un paio d’anni. Io voglio che da questi team passino i migliori giovani italiani: Arredondo, nel caso della Nippo, non fa la differenza".

"E’ un fatto oggettivo - afferma Pelosi - che il Giro d’Italia rappresenti l’evento più importante del Ciclismo Italiano. Tutte le altre corse RCS, seppur blasonate, di prestigio e seguite, se unite insieme, non pareggiano un terzo della visibilità e della portata del Giro d’Italia. Se sponsor italiani scelgono di investire a livello Professional è perchè l’investimento è finalizzato alla partecipazione del grande giro del proprio Paese, partecipazione essenziale per continuare a far crescere i progetti veri che lo stesso Vegni richiede. Sull’avere un "progetto vero", la reputo una dichiarazione offensiva e ne rimango stupito. La NIPPO Vini Fantini ha un manifesto chiaro che dal 2015 spiega la mission: crescere i migliori giovani talenti Italiani e Giapponesi guidati da atleti di classe ed esperienza, con un’attività Internazionale, con chiarezza ed etica impeccabili gestiti da nuove professionalità fino alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Il team è fondato su due sponsor storici che investono da anni nel ciclismo Italiano (NIPPO da 28 anni, Vini Fantini da 9, uno dei più storici d’Italia), che crescono il proprio investimento anno dopo anno e a cui se ne sono aggiunti di nuovi in ogni stagione. Non abbiamo apparizioni momentanee sulle maglie, non facciamo proclami che poi vengono disattesi dai fatti. 

Abbiamo 11 atleti Italiani di cui 5 under 26, tutti talenti eccezionali della categoria Under 23 del 2014, oggi pronti al salto di qualità e che non temono confronti con gli altri giovani professionistiAbbiamo Damiano Cunego, uno dei tre vincitori Italiani del Giro,portabandiera dei valori di un ciclismo sano e vincente, che nel 2016 ha vestito per 13 giorni la maglia azzurra; abbiamo ingaggiato Marco Canola, già vincitore di tappa al Giro, 28 anni, Italiano in piena maturità atletica. Se è vero che RCS guarda all’internazionalizzazione, abbiamo un Paese come il Giappone che investe in Italia e che ci segue come team bandiera del loro Paese e abbiamo Julian Arredondo (una tappa e maglia azzurra 2014), talento cristallino recuperato dai nostri tecnici. Infine, per insegnare ai giovani talenti abbiamo ingaggiato altri corridori di esperienza come il Campione Italiano 2013 Ivan Santaromita e Alan Marangoni, entrambi con numerosi anni di esperienza in Pro-Tour". 

Il team Nippo Vini FantiniAncor più importante, per il manager degli Orange Blue, è l’etica economica e sportiva: “Siamo una società 100% Italiana, per gestione e affiliazione (paghiamo le tasse in Italia) e non abbiamo mai avuto casi di doping. Siamo intransigenti sul doping, per questo siamo anche l’unica squadra al mondo che pubblica on-line i dati del passaporto biologico dei nostri corridori, puntando alla massima trasparenza e intransigenza. Tutto questo dal 2015, tutto questo con costante attività di comunicazione per darne evidenza: è possibile che questa trasparenza e intransigenza per il doping non abbia un peso specifico e non venga premiata? Insieme a tutti i cardini di un progetto chiaro e duraturo e ben strutturato?". 

Pelosi conclude la nota specificando: "Abbiamo rispettato tutte le regole e indicazioni ricevute da RCS in questi anni, sulla costruzione della squadra per essere invitati al Giro: progetto chiaro, giovani talenti italiani, crescita internazionale, etica cristallina, no doping. Ci sono altre regole? Sarebbe stato molto importante conoscerle prima per poter lottare ad armi pari agli altri team che hanno logiche internazionali tanto quanto noi".

E infine: "La NIPPO Vini Fantini non chiude la squadra, ha l'obiettivo di arrivare alle Olimpiadi di Tokyo 2020 restando Italiana. Per riuscirci, ha bisogno di un'azione forte e immediata della Federazione Ciclistica Italiana, affinché lavori con RCS per avere una deroga UCI e un posto in più al Giro100, così che sia ancor più Italiano: è l’occasione perfetta per fare sistema e riuscire a rialzare la testa".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi