Gli abruzzesi spendono meno: 400 euro al di sotto della media - Nel giro di un anno carrelli della spesa meno pesanti
CHIUDI [X]
 
Pescara   Attualità 30/03

Gli abruzzesi spendono meno:
400 euro al di sotto della media

Nel giro di un anno carrelli della spesa meno pesanti

In Abruzzo cala la spesa delle famiglieCarrelli delle spesa più vuoti. Gli abruzzesi spendono sempre meno. Il dato regionale è inferiore a quelli passati e ai numeri nazionali: oltre 400 euro al di sotto della media italiana.

Lo rivela uno studio del Cresa su dati Istat. Nel periodo di riferimento compreso tra marzo 2014 e febbraio 2015, le famiglie hanno sborsato mediamente 2.049,1 euro, valore leggermente inferiore a quello rilevato per l'Abruzzo dall'Istat nell'anno 2014 (2.130,30 euro) e decisamente più basso di quello medio nazionale (2.488,5 euro).

Rispetto alla precedente indagine Cresa (2009-2010), la spesa per consumi in regione è diminuita del 10,5% (Istat Abruzzo: -11,9%; Istat Italia: +1,9%). Le spese più consistenti riguardano l'abitazione (788,7 euro, pari al 38,5%), gli alimenti e le bevande analcoliche (430,9 euro pari al 21,9%) nonché i trasporti (228,7 euro pari all'11,2%), voci per le quali gli abruzzesi utilizzano poco più del 70% del loro budget di spesa, superiore al 64,5% medio nazionale.

Le scelte delle famiglie mostrano la preferenza a impiegare risorse per la casa e l'alimentazione e a risparmiare, da una parte, su alcune voci in qualche misura comprimibili (abbigliamento) e, dall'altra, su alcune spese superflue (vacanze).

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi