L’appello di un paziente malato di tumore: "Lista bloccata da 1 anno" - "La sala operatoria aperta solo due volte a settimana"
 
 
 

L’appello di un paziente malato di
tumore: "Lista bloccata da 1 anno"

"La sala operatoria aperta solo due volte a settimana"

L'ospedale di Chieti"Lista d'attesa bloccata da più di un anno e reparto di Urologia dell'ospedale SS. Annunziata di Chieti in emergenza". È quanto denunciato da un paziente del Vastese malato di tumore in attesa di essere operato.

"Nel silenzio della direzione sanitaria – scrive – nella persona del dott. Pasquale Flacco, la lista di attesa per i malati di tumore in attesa di essere operati è bloccata al mese di aprile 2016. Da mesi il prof. Luigi Schips, direttore del reparto, ha informato i vertici della Asl, ma chi deve prendere le decisioni nell’interesse dei malati scrolla le spalle.

Io, paziente affetto da adenocarcinoma prostatico (tumore alla prostata), sono costretto ad aspettare oltre un anno prima di entrare nella sala operatoria e rischio di morire nell’attesa.
Il prof. Schips, i primi in Italia ad operare con la tecnica  robotica, ha le mani legate. Sono previste solo due sedute a settimana, nonostante una lista di oltre 1.500 pazienti malati di tumore in attesa.

La soluzione non è su Marte. Basterebbe far funzionare le sale chirurgiche. Alla Asl di Chieti–Lanciano lo sanno, ma, chi deve decidere tergiversa facendo retrocedere un reparto di eccellenza ad un ambulatorio per esami ordinari.

N.C., un paziente malato di tumore

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi