"L’Aquila ha bocciato la sinistra e rilanciato il centrodestra" - Sigismondi e Morra (FdI): "Mai avuto dubbi sulla candidatura di Biondi"
 
 
 

L'Aquila   Cronaca 27/06

"L’Aquila ha bocciato la sinistra
e rilanciato il centrodestra"

Sigismondi e Morra (FdI): "Mai avuto dubbi sulla candidatura di Biondi"

Da sinistra Sigismondi, Biondi, Meloni e Morra"Esprimiamo piena soddisfazione per l’elezione a sindaco di L’Aquila di Pierluigi Biondi: una vittoria che non solo restituisce speranza di ripresa al capoluogo ma che, in termini politici, rilancia il centrodestra in tutto Abruzzo e boccia le politiche del centrosinistra a tutti i livelli". Così i coordinatori regionali di Fratelli d'Italia, Giandonato Morra ed Etelwardo Sigismondi, commentano la vittoria del candidato di FdI al ballottaggio dell'Aquila.

"Da subito e senza tentennamenti - dicono Morra e Sigismondi - Fratelli d’Italia-An ha individuato in Pierluigi Biondi la persona adatta per interpretare una nuova e proficua stagione politica per il capoluogo di regione e che potesse diventare collante di tutte le forze del centrodestra. La vittoria a L’Aquila rappresenta un modello da esportare nelle future competizioni amministrative, fatto non solo dalla fondamentale unità del centrodestra, ma anche dalla capacità di aprirsi a realtà civiche e di proporre un progetto amministrativo serio e interpretato da persone credibili. La tornata elettorale appena conclusa evidenzia, ancora una volta, la crescita di Fratelli d’Italia-An a livello regionale, sia in termini elettorali che di rappresentanza all’interno degli Enti, frutto di un lavoro intenso intrapreso, in questi anni, dalla classe dirigente del partito. Un ringraziamento di cuore va al presidente nazionale Giorgia Meloni, per aver creduto e sostenuto la candidatura di Biondi, e a tutti i candidati e le persone che si sono impegnate con Fratelli d’Itali-An in queste ultime elezioni amministrative”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi