D’Alfonso propone i rimboschimenti ma sono vietati dalla legge - La Soa: "Si pensi a rendere più preparata la Regione"
CHIUDI [X]
 
Pescara   Ambiente 24/08

D’Alfonso propone i rimboschimenti
ma sono vietati dalla legge

La Soa: "Si pensi a rendere più preparata la Regione"

Il presidente della Regione Abruzzo annuncia i rimboschimenti della zone colpite dagli incendi, ma questi sono vietati dalla legge. Il corto circuito istituzionale va in scena in questi giorni, proprio mentre la regione continua a essere devastata dalle fiamme. Nella giornata di ieri Luciano D'Alfonso aveva espresso la volontà di cercare percorsi veloci per le zone incendiate allegando al documenti inviato ai vari enti competenti l'elenco dei comuni interessati (in questo, tra l'altro, mancava Schiavi d'Abruzzo, LEGGI). Peccato, però che tale operazione sia vietata dalla legge come evidenziano Stazione Ornitologica Abruzzese, Nuovo Senso Civico e Forum H2O.

"I rimboschimenti sulle aree percorse dal fuoco di cui abbiamo sentito parlare in queste ore – scrive in una nota stampa Augusto De Sanctis – sono generalmente vietati per 5 anni proprio dalla Legge Quadro sugli Incendi Boschivi 353/2000. Questo vincolo, assieme a quello dell'inedificabilità e di pascolo, è stato introdotto proprio per combattere la spirale perversa incendi-interventi di rimboschimento. Solo eccezionali deroghe possono essere concesse ma la ratio della legge è chiara e tali annunci dovrebbero essere a maggior ragione evitati in questo periodo". 

Il passaggio dell'Art.10: Sono vietate per cinque anni, sui predetti soprassuoli, le attività di rimboschimento e di ingegneria ambientale sostenute con risorse finanziarie pubbliche, salvo specifica autorizzazione concessa dal ministro dell’Ambiente, per le aree naturali protette statali, o dalla regione competente, negli altri casi, per documentate situazioni di dissesto idrogeologico e nelle situazioni in cui sia urgente un intervento per la tutela di particolari valori ambientali e paesaggistici. 

"Con un'adeguata e oculata gestione di queste aree – continua De Sanctis – gli enormi danni potranno essere progressivamente recuperati anche se ci vorranno decenni. Invece di lanciare fumo, che ce n'è purtroppo già abbastanza di tossico in valle Peligna [LEGGI], il presidente D'Alfonso pensi a rimediare alla totale inadeguatezza della Regione, competente dal 2012 per la Protezione civile in base all'Art.12 della Legge 225/2012. A giugno ci fu il durissimo atto d'accusa dell'allora capo della Protezione Civile nazionale Curcio sull'impreparazione di diverse regioni, tra cui l'Abruzzo, proprio sul rischio incendi. Solo ai primi di luglio, quando già era evidente l'eccezionalità della stagione, fu firmata dalla Regione Abruzzo una misera convenzione con i vigili del fuoco, per un (uno) elicottero dei VvF stessi e per una squadra per provincia". 

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi