86enne evade dai domiciliari per andare a giocare a carte: arrestato - L’episodio ieri a Chieti Scalo
 
Chieti   Cronaca 22/09

86enne evade dai domiciliari per andare a giocare a carte: arrestato

L’episodio ieri a Chieti Scalo

Foto di repertorioIl richiamo delle carte è stato troppo forte. Nella serata di ieri i carabinieri della Stazione di Chieti Scalo, nel corso dei servizi di controllo del territorio hanno notato nel “Bar della Gioventù” di viale Unità d’Italia, allo “Scalo”, la presenza di un 86enne, ben conosciuto alle Forze dell’Ordine. Seduto al tavolo con alcuni amici, stava giocando a carte.

L’anziano, alla vista dei militari, seppur “avvisato” dai suoi compagni di gioco della presenza dei militari, per non destare sospetti, è rimasto impassibile e ha continuato la sua “partita” senza far trasparire dal suo volto alcun segno di preoccupazione.

Gli uomini dell’Arma hanno ugualmente effettuato un controllo nella banca dati in uso alle Forze di Polizia dal quale hanno accertato che l’anziano, in realtà, in quel momento, avrebbe dovuto essere a casa, poiché sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Dopo pochi minuti, infatti, l’83enne, pensando di essere stato scoperto, ha tentato di allontanarsi per far ritorno a casa, uscendo dal bar nascosto tra due amici. Bloccato dai carabinieri è stato però subito accompagnato in caserma e tratto in arresto con l’accusa di evasione. È finita così la tranquilla serata di Giuseppe Mancini, 86enne di Chieti, che, su disposizione del P.M. Giuseppe Falasca, è stato condotto nuovamente presso la sua abitazione in attesa del giudizio per direttissima. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi