Guardia costiera e Anci, firmata l’intesa per difendere la vita umana e l’ambiente - Protocollo sottoscritto a Pescara e valido per Abruzzo e Molise
 
Pescara   Politica 13/12/2017

Guardia costiera e Anci, firmata l’intesa per difendere la vita umana e l’ambiente

Protocollo sottoscritto a Pescara e valido per Abruzzo e Molise

Da sinistra Lapenna, Moretti e Sciulli"E' stato sottoscritto oggi l'accordo di collaborazione tra la Direzione m arittima di Pescara, l’Anci (Associazione Nazionale Comuni d’Italia) Abruzzo e l’Anci Molise, posto in essere al fine di instaurare, e mantenere costanti nel tempo, nuovi rapporti di collaborazione - a livello territoriale - relativamente alle materie di comune interesse, in particolare legate alla salvaguardia della vita umana in mare, alla tutela dell’ambiente marino-costiero e dell'ecosistema floro-faunistico, nonché a sviluppare forme di cooperazione sulla formazione reciproca".

Lo annuncia un comunicato del Partito democratico.

"Il sottoscrivendo accordo di collaborazione - direttamente discendente dal Protocollo d'intesa stipulato in data 4 ottobre 2016 tra l'Associazione Nazionale Comuni d'ltalia ed il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – si prefigge, altresì, di favorire lo scambio di informazioni rilevanti per l'esercizio delle rispettive funzioni istituzionali coinvolgendo, direttamente, anche i comuni costieri.

 “L’iniziativa nasce a livello centrale tra Anci e Corpo Nazionale delle Capitanerie di Porto e si prefigge di mettere a disposizione dei comuni costieri la competenza e la professionalità che la Guardia Costiera ha in materia di controllo delle coste” ha spiegato il comandante della Direzione marittima Abruzzo-Molise, contrammiraglio Enrico Moretti.

“Siamo soddisfatti perché l’idea di un protocollo con la Direzione marittima è nato proprio grazie ad una nostra idea, poi elaborata dal
Ministero – ha detto il presidente Anci Abruzzo Luciano Lapenna – Grazie a questo progetto tutti i comuni di Abruzzo e Molise recepiranno una serie di adempimenti che riguardano le capitanerie, il Circomare e gli enti locali, per esempio per questioni legate alla pulizia della spiaggia, ai problemi di entrata e uscita dai porti, con questo protocollo si fissano delle regole, fatta salva l’autonomia di ogni Comune”.

“Avendo Abruzzo e Molise confini marini abbiamo ritenuto opportuno stilare questo protocollo – ha aggiunto il presidente dell’Anci Molise, Pompilio Sciulli – affinché i benefici del lavoro della Capitaneria di Porto possano andare a favore dei nostri comuni, anche per progetti futuri, mi riferisco soprattutto a progetti che riguarderanno il turismo, la sicurezza e la salvaguardia dell’ambiente”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi