In permesso per assistere i parenti disabili andavano a fare la spesa e in vacanza - Smascherati due dipendenti della Asl di Teramo
 
Nereto   Cronaca 11/04

In permesso per assistere i parenti disabili andavano a fare la spesa e in vacanza

Smascherati due dipendenti della Asl di Teramo

Un’accurata indagine della tenenza della Guardia di Finanza di Nereto, coordinata dalla Procura della Repubblica di Teramo, ha consentito di scovare due dipendenti della Asl di Teramo che si assentavano dal posto di lavoro fruendo illecitamente dei permessi per assistenza a familiari con disabilità grave

"Le indagini svolte, avviate d’iniziativa dalle fiamme gialle e proseguite su delega della Procura della Repubblica, hanno permesso di appurare che i due impiegati, legati da rapporti di parentela, si assentavano dal lavoro utilizzando le agevolazioni di legge per finalità esclusivamente di carattere privato, anzichè assistere i soggetti disabili", spiega il procuratore della Repubblica di Teramo, Antonio Guerriero.  

"I finanzieri hanno monitorato i dipendenti in questione attraverso attività di pedinamento, appostamenti e sopralluoghi per verificare l’effettiva assistenza prestata dagli stessi ai disabili, così come richiesto dalla normativa, riconosciuti portatori di handicap in condizione di gravità, ragione per la quale i predetti avevano presentato istanza per accedere ai benefici normativi.

Sono stati eseguiti rilievi fotografici che documentano come in realtà, nei giorni di assenza dal lavoro, regolarmente retribuiti, i due dipendenti svolgevano altre attività di carattere personale. Ulteriori riscontri investigativi sono stati acquisiti dalle dichiarazioni testimoniali rese da persone informate sui fatti, nonchè da una serie di indagini tecniche (esame tabulati telefonici e Telepass, accertamenti bancari, etc..) che hanno evidenziato che, in alcuni casi, gli stessi, durante il periodo del congedo straordinario retribuito, si trovavano addirittura in vacanza fuori regione.

A carico dei due dipendenti infedeli è stata esercitata l’azione penale da parte della Procura di Teramo, con richiesta di rinvio a giudizio al gip presso il Tribunale di Teramo. I finanzieri hanno inoltre eseguito il sequestro preventivo disposto al gip per un valore complessivo di circa 70mila euro quale ingiusto profitto consistente nel beneficio di legge e nella conseguente illecita fruizione dei periodi di congedo straordinario retribuito per un totale complessivo di 1337 giorni di indebita assenza dal lavoro. Le condotte illecite accertate, oltre al danno economico arrecato, comportano un grave pregiudizio all’efficienza del servizio offerto all’utenza nonchè al buon andamento della Pubblica Amministrazione, compromettendo il legittimo affidamento e la fiducia che la collettività ripone in chi svolge funzioni pubbliche". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

     
     

    Chiudi
    Chiudi