Due mani verso la montagna: una scultura per le vittime di Rigopiano - Oggi l’inaugurazione dell’opera d’arte nel quartiere Sacro Cuore
 
Chieti   Attualità 07/07

Due mani verso la montagna: una scultura per le vittime di Rigopiano

Oggi l’inaugurazione dell’opera d’arte nel quartiere Sacro Cuore

Due mani rivolte verso la montagna: è la scultura in pietra della Majella che sarà inaugurata oggi, sabato 7 luglio, per ricordare le 29 vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano di Farindola, travolto da una valanga il 18 gennaio 2017. L'opera sarà collocata nel quartiere del Sacro Cuore di Chieti dove era nato e cresciuto Dino Di Michelangelo, rimasto sotto le macerie dell'hotel insieme alla moglie Marina Serraiocco.

Il figlio della coppia, Samuel, è uno degli undici superstiti. A volere la scultura sono stati gli amici di Dino, poliziotto a Osimo.

L'iniziativa, resa possibile grazie al contributo finanziario degli imprenditori di Chieti Manuel Carlo Pantalone e Paolo De Cesare, è stata presentata in conferenza stampa, presenti il fratello di Dino, Alessandro, anch'egli poliziotto, Francesco Di Michelangelo, nipote di Dino e rappresentante del Comitato vittime di Rigopiano, e gli ideatori dell'opera, Alessandro Ghionni e Mariaelena Carulli.

Ansa

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi