Gasdotto Larino-Chieti, il Ministero frena: iter da approfondire - Il ministro dell’Ambiente, Costa: "Vas necessaria per fragilità del territorio"
 
Chieti   Ambiente 11/08

Gasdotto Larino-Chieti, il Ministero frena: iter da approfondire

Il ministro dell’Ambiente, Costa: "Vas necessaria per fragilità del territorio"

Sergio Costa (foto tratta da ilblogdellestelle.it)"Siamo stati interessati dal Ministero dello Sviluppo economico circa il metanodotto SGI della tratta abruzzese. Ci è stato chiesto un parere circa l'assoggettabilità a Vas, Valutazione ambientale strategica, del progetto definitivo. Considerando la fragilità del territorio, che è fortemente sismico, e l'impatto dell'opera, dopo un'attenta analisi da parte del nostro ufficio legislativo, riteniamo che la Vas sia necessaria e non è stata effettuata.
Chiederemo inoltre su questo anche un parere da parte dell'avvocatura dello Stato".

Lo ha detto in un comunicato il ministro dell'Ambiente Sergio Costa.
"Numerosi comitati, singoli cittadini, ci stanno sensibilizzando circa l'impatto del metanodotto - conclude il ministro Costa -. Siamo persuasi che occorra approfondire le valutazioni, ed è quello che stiamo facendo"

"Avevamo sollevato pesanti critiche sull'iter di approvazione del gasdotto Larino-Chieti e di altri gasdotti per violazioni palesi della Direttiva europea sulla Valutazione Ambientale Strategica VAS. I governi precedenti hanno fatto finta di nulla, finalmente un ministro dell'Ambiente ci ascolta": così il Coordinamento No Hub del Gas sull'annuncio del ministro Costa di accendere un faro sulla legittimità delle procedure seguite finora.

Intervengono il sottosegretario Gianluca Vacca e il consigliere regionale Sara Marcozzi: "Questo Governo si conferma attento alle necessità del territorio e di chi lo abita".

Ansa

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi