Abruzzo ancora in piena crisi: perse 2300 imprese dal 2014 al 2018 - Lo studio del ricercatore Aldo Ronci su dati Movimprese. Cresce solo Pescara
 
Pescara   Attualità 11/03

Abruzzo ancora in piena crisi: perse 2300 imprese dal 2014 al 2018

Lo studio del ricercatore Aldo Ronci su dati Movimprese. Cresce solo Pescara

L'Abruzzo è ancora nel bel mezzo della crisi. Lo dicono i numeri impietosi dell'analisi elaborata dal ricercatore Aldo Ronci su dati di Movimprese. Nel giro di cinque anni, dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2018, 2366 imprese hanno chiuso. Il dato complessivo scende, quindi, dalle 129mila 488 del 31 dicembre 2013 alle 127mila 122 di fine 2018. 

In base a questi numeri, l'Abruzzo segna il passo con una decrescita tripla rispetto alla media italiana: -1,83% contro lo 0,68% nazionale. 

Tra le quattro province, solo in quella di Pescara il saldo è positivo (+636 imprese), mentre quella che sta peggio è Chieti, in cui hanno smesso di esistere 1416 attività, quasi il doppio rispetto a L'Aquila (-744). Pesante anche il decremento in provincia di Teramo: -842. 

PESCARA RIPARTE, LE ALTRE NO - Nel Pescarese, a differenza del resto della regione, i primi segnali di ripresa ci sono. Cresce il settore turistico, con 196 attività ricettive in più, il commercio (+111, mentre cala nelle altre tre province), i servizi alle imprese (+240) e gli altri servizi (+613). Nel Chietino, in picchiata l'agricoltura (-919), mentre l'edilizia crolla a Teramo (-600) e a L'Aquila (-580). 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

Spazio autogestito a pagamento
Spazio autogestito a pagamento
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi