"Pozzi petroliferi in mare, è semplicemente una follia" - Confesercenti contro "Ombrina 2"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Ambiente 23/02/2013

"Pozzi petroliferi in mare,
è semplicemente una follia"

Confesercenti contro "Ombrina 2"

Uno dei pozzi di Ombrina Mare"Le imprese turistiche abruzzesi hanno bisogno di certezze. Autorizzare perforazioni petrolifere al largo del Parco nazionale della Costa dei Trabocchi è semplicemente follia: occorre dire basta a questi stop and go da parte delle istituzioni. La Regione e i Comuni devono intervenire con decisione". Lo affermano il direttore regionale di Confesercenti Enzo Giammarino ed il responsabile turismo sostenibile della confederazione Simone Lembo.

"Per le imprese turistiche è il Parco la vera miniera di opportunità economiche – spiegano Giammarino e Lembo – ed in questo scenario economico non possiamo permetterci alcun tentennamento. Se la strada scelta è quella del Parco, come noi auspichiamo, allora si sia coerenti, si concentrino le risorse umane ed economiche non tanto sulla perimetrazione quanto sulle opportunità per le imprese, la promozione, il lancio del Parco e dei suoi prodotti turistici ed agroalimentari sui mercati internazionali. Se la strada scelta è quella del petrolio, allora lo si affermi chiaramente, si dica alle imprese turistiche di smantellare e in che modo riconvertire le strutture alberghiere, gli stabilimenti balneari, i negozi, i ristoranti, i pubblici esercizi, le tante attività economiche che stanno nascendo attorno alla prospettiva di un rilancio del turismo.

Ma ovviamente, la Regione ed il Ministero dovranno dirlo guardando negli occhi gli operatori, senza nascondersi dietro la burocrazia, e dovranno indicare quale strada di sviluppo hanno pensato per la nostra terra. Una cosa non è accettabile: questo continuo tira e molla. I tempi della politica e della burocrazia – concludono Giammarino e Lembo – sono diversi da quelli delle imprese: urge una risposta chiara e finale. La Regione Abruzzo ed il Ministero dell’Ambiente dicano da che parte stanno: chiediamo l’immediata convocazione presso le due istituzioni". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi