No ad Ombrina Mare 2: il blitz di Goletta Verde di Legambiente - Azione dimostrativa nel luogo dove dovrebbe sorgere la piattaforma
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Ortona   Ambiente 04/07/2013

No ad Ombrina Mare 2: il blitz
di Goletta Verde di Legambiente

Azione dimostrativa nel luogo dove dovrebbe sorgere la piattaforma

Il blitz di Goletta Verde

Un'azione dimostrativa per ribadire il no alle trivellazioni petrolifere nel mare abruzzese. Questo il senso del "blitz" compiuto da Goletta Verde nelle acque del mar Adriatico antistanti la costa Teatina, dove dovrebbe sorgere la nuova piattaforma della Medoilgas Italia e la nave-impianto petrolchimico di primo trattamento. "Un’azione dimostrativa e fragorosa - spiegano i componenti dell'equipaggio- che ha simulato i rischi che potrebbero derivare dalle attività petrolifere, vista da Trabocco di Punta Tufano".

Obiettivo dell'azione: chiedere al Ministero dell’Ambiente di non firmare il decreto di Valutazione d’impatto ambientale per l’impianto di Ombrina Mare, che dovrebbe nascere a sole 3 miglia dalla bellissima costa dei trabocchi e dall’istituendo Parco nazionale della costa teatina, nonostante la contrarietà dei cittadini, delle amministrazioni locali e della Regione Abruzzo che non vogliono ipotecare il proprio futuro mettendo in pericolo ambiente, paesaggio, agricoltura, turismo e salute. 

“Questa deriva petrolifera nell’adriatico e nel mediterraneo ci preoccupa molto e deve essere assolutamente fermata, a partire dall’abrogazione dell’articolo 35 del decreto sviluppo e delle altre norme pro trivelle - commenta Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente -. Un segnale importante arriva dalla direttiva europea sulla sicurezza delle operazioni offshore approvata nel giugno scorso, illustrata alle compagnie petrolifere dallo stesso Ministero dello sviluppo economico, che impone precisi vincoli al rilascio delle autorizzazioni quali un’attenta valutazione del rischio, le garanzie che le società concessionarie forniscano le dovute garanzie economiche per coprire i danni derivanti da incidenti più o meno gravi e soprattutto la partecipazione del pubblico nell’iter del rilascio delle autorizzazioni. Tutti elementi che dalla semplice lettura del parere favorevole espresso dalla Comitato VIA nazionale, non sembrano siano stati presi in considerazione nel caso di Ombrina Mare”.

“Il progetto di Ombrina deve essere fermato: chiediamo al Ministero dell’Ambiente di non firmare il decreto Via e ridare così giusto peso alla voce agli abruzzesi sulle scelte che riguardano il loro futuro – dichiara Angelo di Matteo, presidente Legambiente Abruzzo -. L’iter seguito da Medoilgas Italia ci lascia molto perplessi e abbiamo già denunciato quelle che riteniamo essere le anomalie negli atti della società e del ministero dell’Ambiente. È un progetto che non convince e che non porterà nessun vantaggio né alla popolazione, né al territorio abruzzese, ma solo alla concessionaria, visto che stiamo parlando di petrolio di pessima qualità e in quantità irrisorie. Non solo non si ridurrebbe la dipendenza dall’estero per “abbassare la bolletta” energetica ma si offendono i cittadini di questa regione con royalties vergognose che nella migliore delle ipotesi arriverebbero al valore di mezza tazzina di caffè all’anno per ognuno di loro”.

Guarda il video

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi