Picchia la moglie, 50enne arrestato in flagranza - Violenza
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Ortona   Cronaca 03/12/2013

Picchia la moglie, 50enne
arrestato in flagranza

Violenza

(foto di repertorio)Un uomo di 50 anni residente nell'Ortonese e' stato arrestato dai carabinieri, in flagranza di reato, dopo aver malmenato la moglie di 47 anni. L'episodio e' avvenuto nel week end appena trascorso. I militari, intervenuti presso l'abitazione della coppia a seguito della chiamata al 112 da parte della donna, hanno subito richiesto l'intervento dei sanitari del 118 che hanno medicato la malcapitata giudicandola guaribile in 5 giorni a seguito di ferite da aggressione sul volto e sulle mani.

Secondo quanto accertato, la donna era stata aggredita e scaraventata a terra dal marito che le aveva morso una mano e l'aveva colpita al volto con dei pugni, non esitando a sbatterle violentemente la testa al muro. Solo dopo essere riuscita a sfuggire all'aggressione da parte del marito, la 47enne si e' allontanata da casa e, con il proprio cellulare, ha chiesto aiuto chiamando il 112.

L'uomo e' stato arrestato con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e trattenuto presso la camera di sicurezza per essere processato con rito direttissimo. Ieri mattina, al termine dell'udienza, il giudice del Tribunale di Chieti ha convalidato l'arresto ed ha imposto all'uomo il divieto di dimora nel comune dove risiede la moglie nonche' il divieto di avvicinarsi alla donna. L'udienza dibattimentale e' stata invece fissata per la fine del mese di dicembre. (Agi)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi