Montagne di rifiuti ospedalieri, sotto sequestro il "San Camillo" - La forestale ha trovato rifiuti speciali e non all’esterno della struttura
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Ambiente 23/01/2014

Montagne di rifiuti ospedalieri,
sotto sequestro il "San Camillo"

La forestale ha trovato rifiuti speciali e non all’esterno della struttura

I rifiuti abbandonati

A sette anni dalla sua chiusura ora arriva anche il seuqestro per l'ex ospedale di Chiati "San Camillo". Questa mattina il personale del Nucleo investigativo del Comando Provinciale di Chieti e del Comando Stazione Forestale di Chieti ha eseguito il sequestro della struttura poichè nell'area esterna è stata realizzata una discarica abusiva di rifiuti pericolosi e non pericolosi ospedalieri.

"I rifiuti - spiega una nota del comando provinciale- costituiti principalmente da macchinari diagnostici, computer, monitor, frigoriferi industriali, letti, sedie, armadietti, faldoni ed altri suppellettili, nonché un contenitore di rifiuti sanitari.

Materiale tutto non più in uso, stoccati in 3 punti diversi dell'area esterna dell'ex ospedale, in parte su pavimentazione ed in parte a diretto contatto del terreno senza isolamento e senza alcuna copertura, completamente esposti agli agenti atmosferici".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi