CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 febbraio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Nato in Abruzzo il primo centro di
recupero del cartongesso d’Italia

Inaugurato a San Giovanni Teatino

È in Abruzzo il primo Centro di Recupero per scarti di cartongesso si colloca negli stabilimenti della Maco srl di San Giovanni Teatino collegato, per lo smaltimento, alla Siniat spa di Corfinio (Aq). Al momento, si tratta dell'unico stabilimento italiano in grado di riciclare direttamente questo genere di rifiuti, riportandoli a nuova vita sotto forma di prodotto originale: lastre di cartongesso.

Così il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale d’Abruzzo con delega all’Ambiente Mario Mazzocca: “Questa è una delle tante attività imprenditoriali che in Abruzzo ha puntato sullo sviluppo sostenibile e sulle sue reali potenzialità, dimostrando anche la reale sostenibilità del connesso rischio d'impresa. Nella nostra regione abbiamo diverse esperienze in tal senso con quelle imprese che sanno rimettersi in gioco raccogliendo le sfide del presente e del futuro: l'economia circolare quale parte integrante ed essenziale dello sviluppo sostenibile, la possibilità di essere competitivi sul mercato premendo sulla leva della sostenibilità come elemento aggiuntivo e non detrattivo e la concreta possibilità di aumento occupazione del settore".
Fabrizio Nanni, amministratore unico della Maco srl, conclude: "Abbiamo creduto in questo progetto che ci sembra un esempio virtuoso di gestione dei rifiuti all’interno dei percorsi di economia circolare. Pensiamo sia giusto investire per il futuro nel rispetto e nella ricerca della sostenibilità”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       

      Chiudi
      Chiudi