Il cuore dell’Arma dei carabinieri: donati 4 scuolabus alle zone terremotate - Uno sarà usato dai bambini di Civitella del Tronto
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Il cuore dell’Arma dei carabinieri: donati 4 scuolabus alle zone terremotate

Uno sarà usato dai bambini di Civitella del Tronto

Quattro scuolabus destinati alle regioni colpite dal sisma del 2016. Tra queste c'è anche l'Abruzzo con Civitella del Tronto che avrà a disposizione per i propri alunni un autobus nuovo di zecca grazie al buon cuore dell'Arma dei carabinieri.

L'iniziativa, infatti, è nata spontaneamente: una raccolta fondi tra i propri militari. La cifra raggiunta è stata di 150mila euro grazie ai quali sono stati acquistati quattro mezzi: oltre a Civitella del Tronto, gli altri andranno ai comuni di Posta (Ri) e Preci (Pg), mentre il quarto è destinato all'Unione dei comuni della Vallata del Tronto (Ap).

A ritirare oggi a Roma lo scuolabus c'erano il sindaco Cristina Di Pietro e il presidente della Regione, Luciano D'Alfonso. "Ho ringraziato a nome dell'intera comunità civitellese il Comandante Tullio del Sette – dice il sindaco Di Pietro – e tutti gli appartenenti all'Arma per questo straordinario gesto di generosità, così come li ho ringraziati per l'aiuto ed il sostegno straordinario offerti alla nostra comunità in questo ultimo difficilissimo anno. Un grazie di cuore alla Regione Abruzzo, al Presidente Luciano D'Alfonso".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi