Giunta regionale, D’Ignazio nuovo assessore. Lolli: "E’ un allargamento della maggioranza" - Eletto nel centrodestra, il 4 marzo si è candidato con Civica popolare
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

L'Aquila   Politica 10/04/2018

Giunta regionale, D’Ignazio nuovo assessore. Lolli: "E’ un allargamento della maggioranza"

Eletto nel centrodestra, il 4 marzo si è candidato con Civica popolare

Giorgio D'Ignazio (Ansa)Giorgio D'Ignazio nuovo assessore della Giunta D'Alfonso. Lo ha annunciato il vicepresidente della Regione, Giovanni Lolli, in conferenza stampa, presenti il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, e la sottosegretaria alla Giustizia, Federica Chiavaroli.

D'Ignazio, eletto in Consiglio con il centrodestra, alle politiche del 4 marzo si è presentato con Civica Popolare. "D'Ignazio non è una sostituzione, ma un allargamento e arricchimento della maggioranza" ha precisato Lolli, ricordando che con i due assessori dimissionari, Gerosolimo e Di Matteo, "la discussione è in corso. Pongono questioni di funzionamento della Giunta e programmatiche. Siccome ritengo ragionevoli e fondate le argomentazioni - ha detto Lolli - abbiamo deciso di dar vita a un tavolo di approfondimento su sanità, lavoro e politiche sociali".

Su D'Ignazio: "Questa scelta avviene in un momento difficile per il centrosinistra. Non stanno saltando sul carro del vincitore. Siamo noi che abbiamo chiesto a D'Ignazio di entrare in Giunta".

D'Ignazio: "Non l'ho fatto per la poltrona" - "Non è un passaggio per una poltrona ma per una scelta. Scelta politica che non è nata con l'ingresso in Giunta ma viene da prima". Così il neo assessore in Giunta regionale, Giorgio D'Ignazio, presentato nella sede del Consiglio regionale a Pescara.

"Ringrazio il presidente Lolli", si è fatto sfuggire D'Ignazio, affrettandosi ad aggiungere scherzosamente "per me è presidente", sorridendo. D'Ignazio ha annunciato le "immediate dimissioni dall'Ufficio di presidenza del Consiglio regionale" sottolineando che a convincerlo è stato "il gioco di squadra" ma anche una battuta goliardica dell'ex sindaco di Roseto degli Abruzzi, Enio Pavone, "che ho incontrato casualmente e che ha definitivamente cambiato le sorti di questa scelta", ha raccontato D'Ignazio che punta al Turismo.

Chiavaroli: "Sbocco naturale" - Uno "sbocco naturale di un percorso iniziato a livello nazionale", commenta il sottosegretario alla Giustizia, Federica Chiavaroli, in qualità di esponente di Civica Popolare.

"Quando il vicepresidente Lolli ci ha chiesto un impegno più grande noi abbiamo chiesto di dare un contributo sui temi", ha spiegato Chiavaroli sottolineando che la decisione è maturata grazie alle "garanzie ricevute sul metodo, quello del lavoro di squadra" su temi come la sanità ("ci interessa che i nuovi ospedali vengano costruiti non se un ospedale deve essere aperto o chiuso"); il lavoro ("attenzione al microcredito"); la ricostruzione ("meno inciampi burocratici"). Il Turismo poi in primo piano. E, su tutto, "la necessità di dare una mano all'Abruzzo in un momento difficile" ma anche "ufficializzare il contributo che da noi non è mai mancato" supportando un programma di fine mandato.
"L'antipolitica - ha aggiunto Chiavaroli - si combatte con la buona politica". E poi: "La decisione è stata presa da Paolo Tancredi, da Lucrezio Paolini, da me e da D'Ignazio".

Da parte di Paolini il "plauso a questo risultato". "La nostra lista in Abruzzo ha avuto un apprezzabilissimo risultato", ha detto.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi