CHIUDI [X]
 
L'Aquila   Politica 27/04/2018

Ex assessore Di Matteo trova l’ufficio chiuso: "Sfrattato da D’Alfonso"

Dimessosi dalla carica, avrebbe dovuto lasciare liberi i locali stasera

Donato Di Matteo col cartello (Ansa)

Di cosa parliamo - Le elezioni politiche del 4 marzo sono state una batosta per il Pd e i suoi alleati di centrosinistra. In Abruzzo, il risultato è stato ancor peggiore rispetto alla media nazionale. Il 5 marzo, due assessori regionali, Donato Di Matteo e Andrea Gerosolimo, si sono dimessi in aperta polemica con le politiche del presidente, Luciano D'Alfonso, e dell'assessore regionale alla Programmazione sanitaria, Silvio Paolucci. Di Matteo è andato stamani a liberare il suo ufficio, ma ha trovato una sgradita sorpresa. 

L'AQUILA - "Sfrattato dal proprietario della Regione Abruzzo". Ha scritto questa frase con un pennarello rosso sul foglio bianco che ha esposto a giornalisti e fotografi. 

Donato Di Matteo è arrivato stamattina in Consiglio regionale e ha trovato il suo ufficio chiuso a chiave.

Di Matteo che, dopo l'uscita dalla Giunta, è rimasto consigliere regionale, appena ha scoperto che il suo ex studio era sbarrato, ha minacciato di chiamare i carabinieri. E' stato un membro della segreteria di D'Alfonso ad aprirgli la porta dell'ufficio, consentendo a Di Matteo di riprendersi le sue cose e di traslocare. 

"Questa brutta sorpresa - afferma l'assessore dimissionario - rasenta il reato di sequestro di atti personali. Mi hanno riferito che il presidente è venuto personalmente a prendere le chiavi, chiudendo le stanze del mio ufficio. Va detto che avevo concordato che questa sera avrei liberato gli uffici, lasciando i locali del quarto piano per spostarmi al quinto. Quanto accaduto è grave. Sono stato sfrattato dal proprietario della Regione Abruzzo. Il mio prossimo atto - annuncia Di Matteo - sarà votare la decadenza di D'Alfonso che non può giocare con le istituzioni".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi