"Viadotti degradati su A24 e A25, un documento incredibile e inquietante" - Tre associazioni convocano una conferenza stampa per domani alle 11
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Cronaca 30/08/2018

"Viadotti degradati su A24 e A25, un documento incredibile e inquietante"

Tre associazioni convocano una conferenza stampa per domani alle 11

(foto sa stradadeiparchi.it)Sui "viadotti degradati delle autostrade A24 e A25" tre associazioni annunciano che oggi divulgheranno "un documento assolutamente incredibile e inquietante che illumina le modalità dei controlli e chiarisce definitivamente le reali conoscenze da parte dello Stato sulle condizioni delle sue autostrade".

Per questo, Nuovo senso civico Onlus, Forum H2O e Stazione ornitologica abruzzese hanno concovato per domani, alle 11, a Pescara, "una conferenza stampa sullo stato delle manutenzioni ordinarie e straordinarie dei ponti e dei viadotti delle autostrade A24 e A25", che collegano l'Abruzzo costiero col suo interno e con Roma, "già oggetto di un esposto a 9 Procure in considerazione del loro aspetto degradato con ferri scoperti e ossidati".

Dopo Ferragosto, a seguito delle scosse di terremoto in Molise, il vicepresidente di Strada dei Parchi, Mauro Fabris, intervenuto alla trasmissione “In onda” su La7, ha dichiarato: “Abbiamo fatto 170 milioni d’investimento dall’ultimo anno e 700 milioni da quando l’autostrada è stata presa in gestione dal Gruppo”. “Un’autostrada così, che passa attraverso un territorio sismico deve essere considerata in altro modo rispetto alle altre”. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi