"A24 e A25, per mettere in sicurezza i ponti tagliare il fondo Regioni" - La proposta di Febbo
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

L'Aquila   Politica 15/10/2018

"A24 e A25, per mettere in sicurezza i ponti tagliare il fondo Regioni"

La proposta di Febbo

Mauro Febbo (foto Ansa)Un taglio lineare del fondo destinato alla Regioni. E' la soluzione proposta dal consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo per finanziare i lavori necessati ai ponti delle autostrade che collegano l'Abruzzo a Roma. 

“Una volta ribadite le responsabilità del Partito democratico e del Movimento 5 Stelle e del pastrocchio da loro creato, è urgente intervenire e garantire la messa in sicurezza delle autostrade A24 e A25 attraverso la salvaguardia delle risorse già inserite nella programmazione del Masterplan”, dichiara Febbo.

“Riteniamo che la soluzione ottimale su cui bisogna lavorare sia la modifica immediata del Decreto Genova con un coefficiente paritario di impegno tra la Regione Abruzzo e la Regione Lazio e con il taglio lineare dell’1% dell’intero fondo destinato alle Regioni, a cui vanno sommati i 111 milioni già disponibili ma bloccati da una causa tra l’Anas e il Governo. Questa è la nostra proposta seria e soprattutto realizzabile sulla quale il Governo regionale e quello nazionale devono lavorare da subito senza perdere ulteriore tempo. Una proposta concreta che è stata ampiamente condivisa dall’intera assemblea di sindaci e dagli amministratori locali presenti all’incontro”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi