Monsignor Forte: "Soccorrere è un dovere, niente lezioni da Salvini" - Intervista al Corriere della Sera
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Attualità 07/01/2019

Monsignor Forte: "Soccorrere è un dovere, niente lezioni da Salvini"

Intervista al Corriere della Sera

Bruno Forte"Se mi viene imposto qualcosa di contrario alla mia coscienza, come rifiutare aiuto a famiglie intere in balia del mare da giorni, l'obiezione di coscienza è giustificata". È la presa di posizione dell'arcivescovo di Chieti-Vasto, Bruno Forte, sulla questione migranti.

Monsignor Forte dice la sua in un'intervista al Corriere della Sera: "C'è un primato della coscienza che esige solidarietà verso i più deboli" [LEGGI].


Alla domanda di Gian Guido Vecchi in merito al decreto sicurezza, il membro del Consiglio permanente della Cei risponde: "Qui ci sono due piani. Uno pubblico: una legge dello Stato va rispettata; se sbagliata, come molti ritengono sia in vari punti, l’unica possibilità di cambiarla è il ricorso alla Consulta. Poi c’è il discorso etico, e su questo non c’è legge umana che tenga: se - afferma Forte - mi viene imposto qualcosa di contrario alla mia coscienza come rifiutare aiuto a famiglie intere in balia del mare da giorni, l’obiezione di coscienza è giustificata".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi