Luca Fortunato: "Alla Capanna di Betlemme di Chieti accogliamo chi non ha più nessuno" - La missione della comunità Papa Giovanni XXIII
 
Chieti   Attualità 17/04

Luca Fortunato: "Alla Capanna di Betlemme di Chieti accogliamo chi non ha più nessuno"

La missione della comunità Papa Giovanni XXIII

Da cinque anni la Capanna di Betlemme a Chieti è un prezioso di riferimento per gli ultimi, per chi ha perso tutto, per chi non ha più nessuno. Questa opera della comunità Papa Giovanni XXIII è nata nel capoluogo teatino quando le suore Orsoline lasciarono la città donando il loro convento alla diocesi Chieti-Vasto. Da allora, ogni giorno, qui si accolgono tante persone, una settantina circa durante l'anno che diventano centocinquanta nei mesi invernali. 

A guidarla è Luca Fortunato, un 38enne che ha scelto di mettersi al servizio degli altri. Luca ha raccontato la sua esperienza ai giovani che hanno partecipato alla Gmg diocesana a Vasto [LEGGI]. E proprio i giovani oggi sono "i poveri, sono poveri di felicità. Attraverso l'esperienza del servizio, del donarsi all'altro, proponiamo questo come riscoperta del senso della vita". E molti dei ragazzi che scoprono la realtà della Capanna di Betlemme poi scelgono "di venire a essere protagonisti nell'amicizia con gli ultimi".

Guarda il video

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti


Video - 'Accogliamo chi non ha più nessuno'

L'intervista a Luca Fortunato, responsabile della Capanna di Betlemme a Chieti - Servizio di Giuseppe Ritucci - Riprese e montaggio di Nicola Cinquina



 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi