Legge per ampliare i trabocchi, M5S frena. Smargiassi: "Questione da approfondire" - Domani in Commissione la proposta di legge del centrodestra
 
L'Aquila   Politica 13/05

Legge per ampliare i trabocchi, M5S frena. Smargiassi: "Questione da approfondire"

Domani in Commissione la proposta di legge del centrodestra

Pietro Smargiassi (M5S)“Sono rimasto alquanto sorpreso nel leggere l’ordine del giorno della II Commissione con il repentino inserimento della Proposta di Legge numero 10 del 2019, con cui verrebbero introdotte nuove e importanti modifiche all’utilizzo dei trabocchi: strutture dal forte valore storico e caratterizzanti la nostra costa". Lo afferma Pietro Smargiassi, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, intervenendo su una questione che, alla vigilia della stagione balneare, si fa spinosa. La proposta presentata dalla maggioranza di centrodestra prevede che le piattaforme di possano ampliare fino a raggiungere una superficie complessiva del trabocco pari a 210 metri quadri. Un via libera ai ristoranti sospesi sul mare.

"La sorpresa - spiega Smargiassi - nasce dal fatto che la proposta di legge arriva nella II Commissione priva sia del parere legislativo che di quello finanziario dei competenti uffici e, inoltre, viene inserita a margine di altre norme che, data l’estrema urgenza delle stesse, troveranno spazio in tutte le commissioni indette per domani. Soprattutto la proposta arriva senza che sul tema siano state ascoltate le varie sigle e organizzazioni interessate che verranno, in futuro, investite dalle decisioni assunte dal Governo della Regione. Francamente non comprendo quali siano state le ragioni che hanno indotto a calendarizzare questa importante proposta di Legge in una giornata, quale quella di domani, già satura di argomenti e questioni vitali per la nostra Regione, una su tutte quella della chiusura del Traforo del Gran Sasso. Sono certo che il presidente della II Commissione, Marcovecchio, sia consapevole che la norma sui trabocchi debba necessariamente passare attraverso un iter condiviso e strutturato, fatto di audizioni dei vari portatori di interesse e confronto con le altre forze politiche. Per questo mi aspetto che domani la II Commissione prenda atto delle carenze che ho palesato e rinvii la trattazione del tema ad una futura seduta, nella quale si discuterà sia dei pareri rilasciati dagli uffici competenti sia, soprattutto, dei pareri forniti in audizione dai soggetti direttamente coinvolti”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi