Incendio nella clinica Villa Serena: due morti, uno è di Vasto - Rogo scoppiato a tarda sera in una struttura distaccata
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Incendio nella clinica Villa Serena: due morti, uno è di Vasto

Rogo scoppiato a tarda sera in una struttura distaccata

(Ansa)Ore 14 - Vigili del fuoco e carabinieri stanno eseguendo un sopralluogo nella palazzina in cui è scoppiato l'incendio. L'obiettivo è capire la causa che ha scatenato il rogo. Non è facile, visto che la stanza in cui si sono innescate le fiamme è completamente distrutta. Si trova all'interno della palazzina che ospita pazienti psichiatrici di sesso maschile. I due uomini sono morti carbonizzati. Un terzo paziente è stato salvato dal personale della struttura sanitaria. 

La pm della Procura di Pescara, Rosangela Di Stefano, ha aperto un fascicolo d'indagine e disposto l'autopsia.

LA PRIMA NOTIZIA - Un incendio è scoppiato nella tarda serata di ieri in una struttura della clinica Villa Serena di Città Sant'Angelo. Due i morti: D.D.C., 51 anni, di Vasto e A.P., 63 anni, di Roccamontepiano.

Sul posto hanno lavorato stanotte i vigili del fuoco per spegnere il rogo, le cui cause sono, al momento, ancora ignote. Un terzo paziente sarebbe stato portato in salvo dal personale della clinica. Non ci sono feriti. 

Le fiamme hanno aggredito una struttura che fa parte del complesso sanitario, ma è distaccata rispetto all'edificio principale. Non ci sarebbero, quindi, problemi di agibilità. Alcuni pazienti sono stati trasferiti in altre stanze. 

Sul posto si sono portati anche i carabinieri della Compagnia di Montesilvano.

In aggiornamento

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi