Valle Castellana (Te) vuole passare alle Marche, la Cassazione: "Ok al referendum" - Il Comune si lamenta dell’abbandono da parte delle istituzioni
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Teramo   Attualità 23/09/2019

Valle Castellana (Te) vuole passare alle Marche, la Cassazione: "Ok al referendum"

Il Comune si lamenta dell’abbandono da parte delle istituzioni

Valle Castellana (foto di Domenico Marinelli)"Volete che il territorio del Comune di Valle Castellana sia separato dalla Regione Abruzzo per entrare a far parte integrante della Regione Marche?".

È questo il quesito al quale dovranno rispondere i circa 900 abitanti di Valle Castellana in provincia di Teramo. Nei giorni scorsi la Cassazione ha dato l'ok al referendum promosso dal Comune. La clamorosa proposta di scissione arriva dopo anni di lamentele sull'abbandono di quella zona da parte degli enti sovracomunali: circostanza comune a tanti piccoli centri delle aree interne anche della provincia di Chieti.

Valle Castellana in caso di esito positivo del referendum (che dovrà ottenere il 50% +1) passerà così alla Regione Marche e alla Provincia di Ascoli Piceno. Da quest'ultima città che potrebbe diventare il nuovo riferimento amministrativo provinciale Valle Castellana dista 20 km, mentre sono 39 i chilometri che la separano da Teramo. Attualmente il piccolo paese abruzzese è già nelle competenze del tribunale di Ascoli.
Ora dopo la dichiarazione di legittimità della richiesta, bisognerà attendere la deliberazione del consiglio dei ministri (entro tre mesi) e l'indizione del referendum con decreto del presidente della Repubblica.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi