Trentaduenne uccisa, il marito ha confessato: "Voleva lasciarmi" - Il femminicidio di Nereto
 
Nereto   Cronaca 10/10

Trentaduenne uccisa, il marito ha confessato: "Voleva lasciarmi"

Il femminicidio di Nereto

(foto di repertorio)Ha confessato nella notte, dinanzi al pm Davide Rosati, adducendo motivi di gelosia perché lei voleva lasciarlo, Cristian Daravoinea, l'autotrasportatore romeno di 36 anni, che ieri ha ucciso con due coltellate al petto la compagna Mihaela Roua, 32enne, mamma della loro piccola di 6 anni, in un appartamento di Nereto.

L'uomo, che si era reso irreperibile dall'ora di pranzo, momento a cui si fa risalire il delitto, è stato rintracciato nella serata di ieri a Tortoreto Lido, nel parcheggio di un hotel, chiuso nella sua auto, sanguinante.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Teramo e del reparto operativo, diretti dal colonnello Giorgio Naselli e dal tenente colonnello Luigi Dellegrazie, Daravoinea si sarebbe inferto nove colpi al torace con lo stesso coltello dell'omicidio, mentre era ancora in casa e dopo aver ucciso la donna. L'uomo è stato trasferito all'ospedale di Giulianova eposto in stato di fermo con l'accusa di omicidio volontario in attesa della convalida.

ANSA

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi