A14 da incubo: code chilometriche al rientro dal ponte per gli "eterni" lavori in corso - Domenica da bollino nero in Abruzzo
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Attualità 03/11/2019

A14 da incubo: code chilometriche al rientro dal ponte per gli "eterni" lavori in corso

Domenica da bollino nero in Abruzzo

Domenica da bollino nero sull'A14. I restringimenti di corsia in corrispondenza dei viadotti per le note questioni di sicurezza venute alla ribalta in seguito al crollo del "Morandi" a Genova (e all'inchiesta sulla tenuta dei guard rail che ha portato al sequestro delle barriere di 10 cavalcavia) stanno causando code chilometriche in occasione del rientro dal ponte del Primo novembre.

Le prime avvisaglio si hanno dopo Porto Sant'Elpidio con 8 km di coda tra Grottammare e Pedaso, ma la situazione sembra peggiorare in territorio abruzzese come segnalato dal sito di Autostrade per l'Italia: ben 13 km tra Ortona e Pescara Ovest rivelati alle 19.50.

Questi sembrano essere solo i casi limiti, ma anche nei tratti non segnalati il traffico scorre molto lentamente. Una situazione davvero difficile che si ripercuote su chi è costretto a spostarsi per lavoro e deve far quotidianamente i conti con una messa in sicurezza che sembra non vedere una data di fine.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi