Dalle Marche in Abruzzo per cacciare pennuti in zone vietate: 5 persone denunciate - È successo a Bucchianico
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Bucchianico   Cronaca 29/11/2019

Dalle Marche in Abruzzo per cacciare pennuti in zone vietate: 5 persone denunciate

È successo a Bucchianico

Sono arrivati dalla Marche per cacciare in aree vietate: cinque cacciatori di frodo sono stati denunciati dai carabinieri della stazione di Bucchianico che li hanno trovati con 28 carcasse di volatili, tra cui tordi, merli e beccacce.

È successo lo scorso fine settimana, quando i cinque marchigiani hanno raggiunto contrada Frontino nel comune chietino, una zona di ripopolamento per pennuti molto conosciuta. I militari della locale stazione hanno ricevuto numersoe segnalazioni dai cittadini a conoscenza del divieto di caccia. Al loro arrivo, le forze dell'ordine hanno trovato i cinque in procinto di ripartire in auto.

"Per i cacciatori di frodo, tutti della provincia di Pesaro Urbino, è scattata la denuncia a piede libero per esercizio venatorio in area vietata e l’immediato sequestro dei fucili, che ora rischiano di perdere definitivamente insieme alla licenza di caccia per gli effetti della sanzione accessoria prevista", spiegano i carabinieri del comando provinciale che concludono: "Ironia della sorte, se avessero deciso di cacciare cinghiali, previa autorizzazione, non avrebbero avuto alcun problema". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi