Sgominata un’altra "banda della marmotta", arrestati 4 pregiudicati del Foggiano - Si preparavano all’assalto del bancomat di Tollo
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Tollo   Cronaca 09/12/2019

Sgominata un’altra "banda della marmotta", arrestati 4 pregiudicati del Foggiano

Si preparavano all’assalto del bancomat di Tollo

La marmotta abbandonata durante la fugaQuattro pregiudicati del Foggiano sono stati arrestati sabato notte a Tollo quando, secondo i militari, si preparavano all'assalto del bancomat nel centro cittadino. P.A.G. (51 anni di Foggia), C.F. (36 anni), B.R. (26 anni), C.P. (31 anni), questi ultimi tre di Ortanova (Fg), sono stati intercettati a bordo di una Ford Focus, auto già segnalata più volte sui luoghi dei precedenti assalti, dai carabinieri della locale stazione dopo un breve inseguimento.

Durante la fuga, i quattro si sono liberati di un passamontagna e della nota marmotta, l'ordigno artigianale usato per far saltare gli sportelli bancomat.

Questo il racconto degli stessi carabinieri dell'operazione che ha portato agli arresti:
"Quei 400 grammi di miscela esplosiva in polvere, pressati nella ormai tristemente nota marmotta, erano quasi certamente destinati ad una delle postazioni bancomat di Tollo. Ma i sogni di gloria di una banda di 4 pregiudicati foggiani si sono infranti alle 2 di sabato notte contro una pattuglia della locale stazione dei carabinieri. Da diverse settimane, infatti, da quando cioè l’escalation degli assalti ai bancomat della provincia di Chieti si è fatta sempre più serrata, facendo registrare tre episodi in poco meno di 20 giorni, i militari del comando provinciale carabinieri di Chieti avevano intensificato i controlli nelle ore notturne, soprattutto durante i fine settimana, quando gli Atm vengono ricaricati di banconote alla vigilia della due giorni di chiusura delle filiali".

"Quando, alle 2 di sabato notte, una pattuglia della stazione carabinieri di Tollo ha intercettato quella Ford Focus scura, più volte segnalata sui luoghi di precedenti analoghi assalti, i dubbi sono stati pochi: la banda era di nuovo in zona, pronta a colpire. Gli occupanti del mezzo, dopo aver nascosto un grosso fagotto tra la vegetazione della provinciale Miglianico-Tollo, alla vista dei lampeggianti blu dell’Arma hanno tentato di darsi alla fuga verso il centro abitato della stessa Tollo. Qui, però, la Ford Focus è stata raggiunta e bloccata dai militari della stazione e da quelli del Nucleo Radiomobile di Ortona, nel frattempo allertati e immediatamente giunti a dar man forte ai colleghi".

"I quattro hanno dapprima provato a giustificare la loro presenza in zona con una banale scusa, cioè quella di dover recuperare un veicolo in panne abbandonato giorni addietro. Poi, però, si sono arresi all’evidenza quando, dopo un’attenta perquisizione del veicolo, sono saltati fuori un passamontagna, un paio di guanti in lattice da lavoro, alcune torce, diversi arnesi da scasso e numerose chiavi e telecomandi universali per l’apertura delle serrature dei veicoli. Successivamente, con l’ausilio delle fotoelettriche dei vigili del fuoco di Ortona, sono stati rinvenuti, lungo il tragitto percorso dalla Focus in fuga, altri due passamontagna e due paia di guanti in lattice, di cui i quattro si erano disfatti durante l’inseguimento, nonché, nel luogo dove erano stati sorpresi pochi istanti prima, avvolto in alcune coperte tra la vegetazione, un ordigno esplosivo di fattura artigianale, la cosiddetta marmotta, dotato di una lunga miccia e già carico di 400 grammi di miscela esplosiva in polvere".

"I quattro, tutti pregiudicati e già noti alla giustizia per fatti analoghi, sono stati arrestati con l’accusa di concorso in detenzione e porto illegale di materiale esplosivo e associati alla casa circondariale di Chieti a disposizione del Pm della Procura della Repubblica di Chieti, che ha coordinato sin dalle primissime battute l’intera operazione. Piuttosto complesse le operazioni di disinnesco della marmotta inesplosa, che si sono concluse alle ore 12 di ieri, quando gli artificieri del Comando Provinciale Carabinieri di Chieti, assistiti dai militari della Compagnia di Ortona, dal personale sanitario del 118 di Chieti, dai vigili del fuoco di Ortona e da personale del comando di polizia municipale di Tollo, dopo aver messo in sicurezza l’intera area, interrompendo per circa un’ora anche la circolazione veicolare sulla Sp 214, hanno fatto brillare i 400 grammi di polvere pirica stipati nell’ordigno". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi