Rave party nel cuore del Parco della Majella: 3 arresti e 70 denunciati - Camper e chioschi non autorizzati
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Rapino   Cronaca 15/12/2019

Rave party nel cuore del Parco della Majella: 3 arresti e 70 denunciati

Camper e chioschi non autorizzati

Tre arresti e 70 denunce. È il bilancio del rave party abusivo organizzato nel cuore del Parco della Majella, in mezzo alla natura incontaminata, in territorio di Rapino. A scoprirlo e a segnalarlo è stato un escursionista che, durante una passeggiata nel "parco, ricco di vegetazione e fauna, tra cui cervi, caprioli e cinghiali, ma anche specie protette come l’uccello gracchio, si è trovato di fronte ad una scena a dir poco surreale: dieci camper, altrettante macchine e tende disposte a raggiera, fonte della musica assordante".

È così scattata la chiamata al 112. "Mezzi di quella portata – spiegano i carabinieri – come la psytrance music oppure goa e soprattutto i fuochi accesi dai camperisti avrebbero causato non pochi danni ad uno dei tesori naturalistici più preziosi della Regione".

Quando i carabinieri della compagnia di Chieti sono arrivati sul posto, si sono trovati davanti ad un vero e proprio evento con tanto di chioschi per la vendita di panini, organizzato probabilmente con il tam tam sui social media che coinvolgeva giovani e giovanissimi provenienti da tutte le regioni d’Italia.

"Dopo una incisiva attività di mediazione, durata qualche ora, sono stati tutti identificati e denunciati per invasione di terreni aggravata dall’esistenza del vincolo paesaggistico – continuano i militari – A dare uno scossone all’attività di sgombero, sono stati anche i tre arresti effettuati dai carabinieri che, insospettiti dal comportamenti di tre ragazzi, due stranieri e un italiano, li hanno perquisiti e trovati in possesso di circa 100 grammi di sostanze psicotrope anche di natura sintetica, come speed e MDMA.  Due, da ieri sera su disposizione del pm Giuseppe Falasca, si trovano a Madonna del Freddo e il terzo, più giovane, è stato condotto agli arresti domiciliari a Pescara".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi