Acqua, servono almeno 25 milioni per scongiurare le emergenze. La Sasi farà i lavori più urgenti - Vertice a Pescara con parlamentari, governo regionale, sindaci e Sasi
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Politica 10/01

Acqua, servono almeno 25 milioni per scongiurare le emergenze. La Sasi farà i lavori più urgenti

Vertice a Pescara con parlamentari, governo regionale, sindaci e Sasi

Pescara: la riunione del tavolo sulla carenza idricaServono 25 milioni per risolvere le emergenze idriche in provincia di Chieti. In particolare quelle del Vastese, dove dalle tubature disastrate si disperde il 70% dell'acqua. Ma i 25 milioni non ci sono. Per questo, le strade da seguire sono due. La prima fare di necessità virtù: i lavori più urgenti saranno eseguiti in economia dalla Sasi, la società che gestisce il servizio idrico integrato (acqua, fogne e depurazione) in 87 comuni del Chietino. La seconda passa per i parlamentari abruzzesi: lavorare nei palazzi romani per reperire fondi. Sono queste le decisioni prese oggi pomeriggio nel vertice sul problema acqua, convocato a Pescara a Pescara dal presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

Seduti attorno al tavolo della Giunta, si sono confrontati i parlamentari Luciano D'Alfonso e Carmela Grippa, il governatore Marsilio, il vice presidente della Regione e delegato al Sistema idrico, Emanuele Imprudente, i consiglieri regionali Giovanni Legnini e Manuele Marcovecchio, diversi sindaci (tra cui i primi cittadini di Vasto, San Salvo, Ortona, Atessa, Guardiagrele, Gissi e Furci, Francesco Menna, Tiziana Magnacca, Leo Castiglione, Giulio Borrelli, Simone Dal Pozzo, Agostino Chieffo e Angelo Marchione), il presidente dell'Ersi (entte regionale per il sistema idrico), Nunzio Merolli. 

"È un'emergenza grave, che perdura da troppo tempo", commenta Marsilio. "La rottura della tubatura avvenuta recentemente ha causato uno stato emergenziale per i comuni della zona, putroppo ogni estate si acuisce la crisi idrica. Non sarà facile risolvere il problema in poco tempo: sono decenni che non fanno attività di manutezione ai nostri acquedotti". Per trovare i 25 milioni necessari, "ci vuole l'impegno del Governo e del Ministero competente, pertanto abbiamo coinvolto i parlamentari abruzzesi".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi