Blocco in A14, gli autotrasportatori: "Chiediamo di essere ascoltati. Pronti allo sciopero" - La situazione resta ancora critica
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Cronaca 14/01

Blocco in A14, gli autotrasportatori: "Chiediamo di essere ascoltati. Pronti allo sciopero"

La situazione resta ancora critica

"Chiedono di essere convocati e ascoltati in tutti i tavoli nazionali e locali organizzati per affrontare l'emergenza A14, dove si parla di autotrasporto senza ascoltare mai i diretti interessati". È l'Ansa a riportare i contenuti dell'incontro avvenuto ieri a Pescara, nella sede di Cna Abruzzo, tra rappresentanti dell'autotrasporto delle imprese aderenti a Cna-Fita Abruzzo e Fai-Conftrasporto Abruzzo e Molise. L'obiettivo è quello di chiedere il dissequestro del viadotto Cerrano che, ad oggi, è interdetto al transito dei mezzi pesanti imponendo così l'uscita e il rientro dall?A14 nel tratto tra Pineto e Pescara Nord.

Una situazione che sta divenendo pesantissima per i residenti dei Comuni costieri, invasi da oltre 2mila mezzi pesanti al giorno, e per gli stessi operatori del trasporto che quindi "mantengono alta la mobilitazione della categoria e minacciano l'avvio di azioni legali a tutela dei danni patiti per i forti ritardi nell'attività, a causa delle interruzioni sul tratto abruzzese dell'autostrada". 

Le due sigle dell'autotrasporto chiedono "una programmazione urgente dei lavori necessari alla riapertura della seconda corsia, ora vietata al traffico, oltre alla rimozione di limiti (velocità, distanze minime) che rallentano la circolazione. Soprattutto, Cna Fita e Fai-Conftrasporto chiedono che si cominci a pianificare il futuro della viabilità adriatica con potenziamenti o nuove realizzazioni di infrastrutture, dato che quelle esistenti non sono più sufficienti per il sistema Paese".

Le due sigle "valutano azioni di protesta coinvolgendo le imprese di autotrasporto e i loro mezzi; oltre ad azioni legali che prevedano un ristoro economico alle imprese danneggiate dalle interruzioni stradali. In caso di mancata riapertura, infine, promettono di svolgere un'iniziativa pubblica di forte denuncia sull'insostenibilità della situazione, coinvolgendo le confederazioni nazionali e la committenza. All'incontro erano presenti il presidente e il coordinatore di Cna-Fita Abruzzo, Gianluca Carota e William Facchinetti, il segretario interregionale di Fai-Conftrasporto Abruzzo e Molise Carlo Antonetti con il vice presidente, Camillo Grande, nonché i direttori regionale e di Pescara della Cna, Graziano Di Costanzo e Carmine Salce."

LA NOTA DI AUTOSTRADE. "In merito ad alcuni contenuti apparsi sui media che riprendono l'ordinanza del 18 dicembre del Gip di Avellino sul viadotto Cerrano, la Direzione di Tronco di Pescara di Autostrade per l'Italia precisa che lo spostamento di 7 centimetri non si riferisce alle pile, ma allo spostamento massimo del terreno nei pressi della Pila 1 registrato dalla strumentazione nell'arco di 3 anni (2016-2018)". Lo fa sapere una nota Autostrade per l'Italia. "Tale valore non si riferisce dunque alle pile del viadotto, che non hanno mai raggiunto movimenti attenzionabili nel periodo considerato. Il viadotto e l'area ad esso sottostante sono costantemente monitorati dal punto di vista geotecnico e strutturale: sull'opera sono installati dei particolari sensori che, anche nell'ultimo anno, non hanno mai rilevato alcun tipo di movimento significativo".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi