Frane, Pd a Marsilio: "I fondi sono dei nostri governi, dalla Regione vogliamo fatti concreti" - La polemica
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Politica 17/01

Frane, Pd a Marsilio: "I fondi sono dei nostri governi, dalla Regione vogliamo fatti concreti"

La polemica

Gianni Cordisco (Pd)Se in Abruzzo arrivano i fondi per scongiurare il rischio frane, il merito è dei Governi sostenuti dal Pd. La rivendicazione è del segretario provinciale di Chieti del Partito democratico, Gianni Cordisco.

"Ringraziamo - scrive in una nota il dirigente dem - il Governo Gentiloni prima e il Governo Conte poi per i 33 milioni e 775 mila euro di contributi ai Comuni per la realizzazione di opere pubbliche per la messa in sicurezza di edifici e del territorio per l'anno 2020. Importanti finanziamenti che permetteranno all’Abruzzo, grazie al decreto interministeriale del 30 dicembre 2019, di iniziare i lavori volti a contrastare il fenomeno del dissesto idrogeologico che ha colpito molti Comuni abruzzesi".

"Per la sola Provincia di Chieti - fa i conti Cordisco - saranno quasi 14 i milioni di euro a favore di 19 Comuni: Cupello (900mila euro), Tufillo (480mila euro), Palmoli (980mila euro), Furci, Fraine e Civitella Messer Raimondo (400mila euro), Frisa (994.906,92 euro), Schiavi Di Abruzzo (998mila euro), Rocca San Giovanni (500mila euro), Ortona (800mila euro), Rosello, Pennadomo e Montelapiano (1 milione di euro), Arielli (550mila euro), Villamagna (650mila euro), San Vito Chietino e Vacri (600mila euro) e Colledimezzo (700mila euro)".

Il segretario provinciale dei democratici lancia una frecciata al centrodestra, chiedendo "fatti concreti" al governo regionale di Marco Marsilio, "ancora in balia della spartizione delle poltrone con la questione dei Trasporti e della Sanità ancora fermi al palo e con una seria emergenza idrica che riteniamo debba essere seriamente presa in carico anche dalla Regione Abruzzo, contribuendo nei fatti a trovare idee, soluzioni e fondi propri e non demandando la sola Sasi (che è gestore del servizio idrico integrato) o chiedendo aiuto ai parlamentari abruzzesi di farsi carico del problema trovando i fondi necessari.
La Regione Abruzzo - conclude Cordisco - ci metta del suo e alle sole leggi-mancia a favore dei Comuni del centrodestra aggiunga anche fondi per contrastare la grave crisi idrica che sta colpendo il Medio e l'Alto Vastese".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi