L’allarme della Cgil: "Barriere sull’A14, autotrasportatori in ginocchio. Aspi faccia presto" - Viadotto Cerrano sequestrato da dicembre, l’appello del sindacato
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Pescara   Cronaca 22/01

L’allarme della Cgil: "Barriere sull’A14, autotrasportatori in ginocchio. Aspi faccia presto"

Viadotto Cerrano sequestrato da dicembre, l’appello del sindacato

Abruzzo: code sull'A14 durante il controesodo post natalizioLe barriere sul tratto abruzzese dell'A14 stanno mettendo in ginocchio gli autotrasportatori. La Cgil Abruzzo lancia l'allarme: "Autostrade per l'Iralia deve impegnarsi subito con le istituzioni e con i cittadini a definire la tempistica che dovrà rispettare per consentire entro una data certa e definita la circolazione del traffico dei mezzi pesanti" sul viadotto Cerrano, sotto sequestro da dicembre con divieto di circolazione per i tir pesanti più di 35 quintali. 

"Aspi faccia in fretta tutto ciò che viene chiesto alla società, a partire dall'implementazione del piano di gestione temporale delle emergenze e da tutti gli adempimenti richiesti dal gip del tribunale di Avellino, allo scopo di arrivare ad una rapida riapertura ai mezzi pesanti del viadotto Cerrano lungo la A14", perché la limitazione del traffico pesante sta mettendo "in ginocchio interi territori ed economie locali". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi