Consegna in tribunale gli screenshot delle conversazioni della moglie: rischia 3 anni di reclusione - L’uomo voleva addebitarle le colpe della separazione
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Cronaca 23/01

Consegna in tribunale gli screenshot delle conversazioni della moglie: rischia 3 anni di reclusione

L’uomo voleva addebitarle le colpe della separazione

Voleva dimostrare i presunti tradimenti della moglie, ma per farlo ha commesso diversi reati arrivando a rischiare fino a tre anni di reclusione. È successo a un 44enne del Chietino che per addebitare alla coniuge le responsabilità della separazione e sfuggire all’obbligo di mantenimento nei suoi confronti, ha presentato in tribunale una serie di screenshot a suo dire compromettenti. 

"La copiosa documentazione consegnata tramite i propri legali – spiegano i carabinieri della compagnia di Chieti – consisteva in numerosi screenshots di conversazioni che la donna intratteneva con altri uomini su una nota applicazione di messaggistica, comprovanti, secondo il marito, i tradimenti patiti. La donna non ha ovviamente gradito l’interferenza e ha raccontato ai militari l’accaduto: il risultato è che il marito è stato denunciato in stato di libertà per violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza. Ora rischia una pena che potrebbe arrivare fino a tre anni di reclusione". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi