Consiglio comunale di Silvi, accesso vietato alle telecamere: protesta il sindacato dei giornalisti - Il caso - La presa di posizione di Sga e cdr Rai
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Teramo   Attualità 03/03

Consiglio comunale di Silvi, accesso vietato alle telecamere: protesta il sindacato dei giornalisti

Il caso - La presa di posizione di Sga e cdr Rai

(foto da www.comune.silvi.te.it"Il Sindacato dei giornalisti abruzzesi si unisce alla denuncia del cdr Rai, dopo la decisione del sindaco di Silvi, Andrea Scordella, di non consentire l'ingresso all'operatore nell'aula del Consiglio comunale. Il Sindacato ricorda che, nel rispetto del diritto di cronaca, nessun Consiglio comunale può e deve essere chiuso ai giornalisti. Sostituire la presenza fisica delle testate con un servizio interno di streaming non equivale a garantire libertà di informazione. Invitiamo dunque il sindaco di Silvi a rivedere il suo “regolamento” e a ispirarsi alla totalità delle amministrazioni comunali abruzzesi". Lo afferma una nota diramata dalla segreteria Sga. 

La presa di posizione del comitato di redazione della sede Rai di Pescara: "Il cdr della redazione Rai Abruzzo - scrivonop Michaela Barilari, Umberto Braccili e Roberta Mancinelli - stigmatizza il divieto di accedere alla seduta straordinaria del Consiglio comunale di Silvi. Una seduta di chiaro interesse pubblico avente ad oggetto il progetto si variante alla SS 16. Al nostro operatore è stato impedito di filmare i lavori e a noi di raccontare con obiettività un fatto politico di rilevanza regionale".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi