"L’altra faccia della Corona": aziende e cittadini si mobilitano per sostenere gli ospedali - Tante le donazioni di aziende e cittadini per la Asl Lanciano Vasto Chieti
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


31 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Attualità 20/03

"L’altra faccia della Corona": aziende e cittadini si mobilitano per sostenere gli ospedali

Tante le donazioni di aziende e cittadini per la Asl Lanciano Vasto Chieti

"C'è il bene, eccome. Ce n'è così tanto che si fa fatica a raccontarlo. Ed emerge con tutta la sua forza in questi giorni di vita sospesa, freezata, nei quali l'essenziale svetta, depurato dall'abituale frenesia del quotidiano. L'emergenza Covid-19 ha generato un fenomeno parallelo alla paura e quel senso di incertezza divenuto denominatore comune delle vite di tutti: il desiderio, quasi un'urgenza, di essere insieme, in tanti, a combattere una battaglia davvero difficile". L'ufficio stampa della Asl Lanciano Vasto Chieti, impegnato quotidianamente a comunicare i numeri dell'emergenza, dei nuovi contagiati e, fortunatamente, anche dei guariti, inizia così il racconto di un fermento di solidarietà che sta attraversando il territorio.

"La sanità pubblica, spesso e qualche volta anche a ragione, vituperata e tacciata di inefficienza, ora si scopre essere lo scudo che può riparare dal flagello,  l'approdo di salvezza. Prima demone e adesso angelo? Né l'uno né l'altro, semplicemente una garanzia per tutti, nel segno dell'equità e della solidarietà. Lo è da sempre, ma solo oggi se ne acquista consapevolezza, davanti a un nemico che disorienta perché altro dall'iconografia classica, invisibile e senza armi. 

E allora in questi giorni durissimi diventa sentimento diffuso volere bene a un ospedale, a una Asl, a cui si guarda con fiducia e palpitazione. E' l'altra faccia della Corona, quella del sentire risvegliato: la voglia di essere partecipi e solidali, un senso di comunità che sembrava perduto, la speranza cercata negli occhi degli altri, pur se distanziati per necessità. Ancora, lo stupore, per quello che la sanità pubblica riesce a esprimere in questa sfida senza precedenti e, viceversa, per l'affetto riversato dalle persone alla sanità pubblica, in generale e a livello locale".

La Asl 02 è "destinataria ogni giorno di gesti di solidarietà da parte di cittadini e aziende che si rendono disponibili per ogni forma di aiuto. In tanti hanno chiesto di poter dare un aiuto economico, consapevoli del grande dispendio di risorse generato dalle misure organizzative straordinarie che vengono messe in campo in tutta fretta, dall'acquisto di attrezzature per la Rianimazione all'allestimento di nuove aree di degenza. Nasce quindi da questa ondata di generosità che chiedeva di essere accolta l'apertura di un conto corrente dedicato all'emergenza Covid-19, sul quale far pervenire le offerte in denaro di quanti desiderano contribuire. 

Ma la solidarietà si esprime in queste giornate anche con la donazione di dispositivi di protezione da destinare agli operatori sanitari: arrivano mascherine, tute, guanti, offerte da esercizi commerciali, aziende e professionisti che ne fanno uso e che in questo momento non sono in attività per via delle restrizioni del Governo, associazioni che li acquistano. In tanti hanno risposto, e continuano a farlo, all'appello del Direttore generale della Asl, Thomas Schael, il quale chiedeva aiuto sulla fornitura dei presidi, divenuti introvabili e che l'Azienda sta procurando tra mille difficoltà per proteggere il personale

Desideriamo ringraziarli tutti, uno per uno, e lo faremo ogni giorno, con nomi e foto. Perché se non sono consentiti abbracci e strette di mano, gli occhi, le espressioni, i visi di quanti arrivano a consegnare i materiali raccontano che questa epidemia ci tiene lontani, ma in realtà siamo stretti come non mai, e che la catena delle emozioni annienta quella del contagio. Lo racconteremo perché di questo straordinario senso del noi resti traccia e diventi memoria. Quella che vorremmo conservare negli anni a venire".

Le donazioni ricevute dalla Asl: Tutto il materiale di protezione possibile, tute, mascherine e guanti è arrivato da Colormax, edilizia, industria, falegnameria, fai da te di Andrea Buccella e Matteo Picciotti; Tute chimiche dall'organizzazione di "Arrostiland", Abbruzzo di Morris e la comunità di Vacri; Tute da Giuseppe Cavuto, titolare dell'Azienda Cavuto A&G di Tollo, che fornisce attrezzature per vigneti; Tute e guanti dal Guantificio Abruzzese di Chieti; Tute da La Panoramica, azienda di trasporti di Chieti; Kit per visitatori e guanti da Pasqualone srl di Chieti; Guanti e mascherine dagli studi odontoiatrici di Gianni Cialone di Vasto, Roberto Cupaiolo di San Salvo, Rosarita Marchioli di Atessa; Il panificio Palmarelli di Chieti che ha inviato dei dolci al reparto di Malattie infettive del “SS. Annunziata”.


Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi