In Abruzzo si allarga la zona rossa: a Villa Caldari divieto di entrata e uscita - Coronavirus, diversi casi nella frazione di Ortona: la nuova ordinanza di Marsilio
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Ortona   Cronaca 28/03

In Abruzzo si allarga la zona rossa: a Villa Caldari divieto di entrata e uscita

Coronavirus, diversi casi nella frazione di Ortona: la nuova ordinanza di Marsilio

Marco MarsilioSi allarga la zona rossa in Abruzzo. Da ieri sera, non si può entrare né uscire da Villa Caldari, frazione di Ortona in cui si sono registrati diversi casi di coronavirus, a partire dallo scorso 5 marzo, giorno in cui il proprietario di un bar è morto improvvisamente ed è poi risultato positivo al Covid-19.

Il presidente della Regione, Marco Marsilio, ha firmato l'ordinanza che estende a Villa Caldari la zona rossa, di cui già fanno parte, nella provincia di Teramo, i comuni di Castiglione Messer Raimondo, Arsita, Bisenti, Montefino, Castilenti e, in provincia di Pescara, di Penne, Montebello di Bertona, Civitella Casanova, Farindola, Picciano ed Elice

La decisione di istituire misure più restrittive è motivata dalla relazione della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, "di procedere con misure mirate più incisive di contenimento locale, anche sulla base dei tassi di prevalenza relativi alla singola contrada di Caldari. Il tasso di incidenza per 100mila abitanti è, per tale località - scrive l'azienda sanitaria - pari a 1.271, ovvero dieci volte superiore al medesimo tasso calcolato sull'intero territorio comunale (122). Tale differenza è ancora maggiore, 22 volte, se consideriamo il confronto tra l'incidenza della località Caldari, 1.271, con quella del resto del Comune di Ortona, 57". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi