Medici e infermieri dei reparti Covid: tutelare la salute dei nostri cari. Asl: hotel li accolgano - Schael: "Albergatori di buona volontà offrano ospitalità al nostro personale"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Cronaca 31/03

Medici e infermieri dei reparti Covid: tutelare la salute dei nostri cari. Asl: hotel li accolgano

Schael: "Albergatori di buona volontà offrano ospitalità al nostro personale"

Thomas SchaelMedici e infermieri degli ospedali Covid di Chieti e Atessa vogliono tutelare la salute dei loro cari. Perciò vorrebbero evitare di tornare a casa alla fine del turno di lavoro. Da questa necessità scaturisce l'appello che il direttore generale della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, Thomas Schael, rivolge agli albergatori: mettete le vostre strutture a disposizione di chi è in prima linea nella lotta al coronavirus.

"Riceviamo ogni giorno - racconta il manager - attestazioni di solidarietà da parte di tanti, cittadini, imprese, gruppi commerciali, ordini professionali, associazioni e anche dal mondo dello sport, che esprimono la loro vicinanza alla sanità pubblica attraverso donazioni in denaro o in beni materiali da destinare agli ospedali. Una sensibilità che concretizza un aiuto prezioso per la nostra azienda che, proprio grazie a questo supporto straordinario, riesce a fare fronte all’emergenza con più mezzi e a sostenere il peso di una risposta assistenziale ai malati di Coronavirus che si fa ogni giorno più impegnativa, sotto il profilo dell’organizzazione e delle risorse impiegate.

Ed è proprio per una nuova necessità emersa in queste ore che chiedo un diverso slancio di generosità, a una categoria particolare, quella degli albergatori. Gli operatori, sia medici sia infermieri, destinati agli ospedali Covid di Chieti e Atessa,  accettano l’incarico con grande senso del dovere e della professione manifestando, al tempo stesso, preoccupazioni per le famiglie. Il desiderio, quindi, sarebbe di autoisolarsi e trovare una sistemazione diversa evitando di rientrare a fine turno nel proprio domicilio, così da preservare i propri congiunti da possibili rischi di contrarre il virus. Una richiesta comprensibile, che la Asl non è in condizione di poter soddisfare, a malincuore, e senza margine alcuno per trovare soluzioni possibili, visto che non può farsi carico dell’onere di una sistemazione alberghiera, così come, parimenti, non possono farlo i diretti interessati per le stesse ragioni di ordine economico.

Nasce, quindi, da questa esigenza dei nostri operatori l’appello alla sensibilità di proprietari di strutture alberghiere e residenziali che
volessero mettere alcune stanze a disposizione gratuita del personale destinato all’assistenza ai pazienti Covid. Sarebbe, anche questo, un gesto di solidarietà concreto, come i tanti che riceviamo finalizzati a sostenere i nostri ospedali. Se qualcuno di buona volontà si farà avanti, anche per il tramite di Federalberghi, per offrire ospitalità al nostro personale a fine turno, compirà una buona azione, non per i singoli operatori ma per il bene collettivo".

Per contatti: direzione.generale@asl2abruzzo.it

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi