Marco, guarito dal Covid-19 con la cura sperimentale: "La mia vita è cambiata" - La testimonianza: "Ho avuto paura di aver contagiato i miei cari"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


11 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Cronaca 02/04

Marco, guarito dal Covid-19 con la cura sperimentale: "La mia vita è cambiata"

La testimonianza: "Ho avuto paura di aver contagiato i miei cari"

Lui ha trent’anni, appena compiuti e un lavoro che gli dà molte soddisfazioni. Così giovane e già con un’esperienza forte da raccontare:
contagiato dal Coronavirus e guarito grazie alla terapia sperimentale utilizzata a Chieti dalla Clinica di Malattie infettive. Lo chiameremo
Marco, perché non è il suo nome che ci interessa, ma il racconto di quello che ha vissuto.

"Ancora adesso non so dove, come e quando ho contratto il virus - dice ripercorrendo le ultime settimane - per quanto abbia cercato di darmi delle risposte. E’ accaduto e basta, e farsi domande oltre un certo limite non era d’aiuto".

E’ stato sempre informato e consapevole della patologia e della scelta del responsabile della Clinica, Jacopo Vecchiet, di curarlo
con il Tocilizumab, farmaco già impiegato nella cura dell’artrite reumatoide e in grado di ridurre l’infiammazione che causa danni agli
organi. Ha dato il consenso ed è iniziato il percorso. Coltivando dentro di sé la speranza di poter voltare pagina presto e tornare agli affetti ai quali, durante la degenza, ha continuato a pensare con tanta preoccupazione.

"Quando sei lì hai paura non solo per te - aggiunge Marco - ma per quelli che sono a casa e temi di avere contagiato. Mi tormentava il pensiero di essere causa di sofferenza per le persone che amo di più e che mai avrei voluto mettere in pericolo".

Tante le emozioni provate in un reparto nel quale si è isolati e i contatti con il mondo di fuori sono pochissimi: il senso di solitudine, l’angoscia lo hanno accompagnato a lungo, ma poi è prevalso il senso della realtà che certo non gli fa difetto: l’importante era mettere al sicuro la salute, a costo di qualunque sacrificio, e in quel reparto lui si è sentito sempre protetto. La sensazione era di trovarsi nel posto giusto, in mani sicure.

"Arriva un momento nel quale pensi a una sola cosa - ricorda Marco -: devi migliorare la tua condizione, vale solo quello". Non è facile tenere il filo dei ricordi, metterli in ordine, condividerli e magari non c’è nemmeno una gran voglia di tenerli vivi, con tutta la sofferenza che hanno generato. Però un segno forte lo hanno lasciato: "La mia vita è cambiata sicuramente - confida -, queste sono situazioni che fanno riflettere e io di tempo per pensare ne ho avuto in ospedale. E sì, sono cambiato eccome. Ognuno dovrebbe apprendere qualcosa da questi giorni, perché è la vita di tutti a essere cambiata”.

Mentre Marco cerca la sua nuova quotidianità, al riparo nella sua casa, altri in isolamento combattono la sua stessa battaglia. E ce la possono fare, come lui.

Asl Lanciano-Vasto-Chieti - Ufficio stampa

Guarda il video

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi