Rucci (Cgil): "Ritardo nei tamponi, preoccupati per il personale sanitario" - "Lungaggini nella gestione dei tamponi"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


31 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Cronaca 21/04

Rucci (Cgil): "Ritardo nei tamponi, preoccupati per il personale sanitario"

"Lungaggini nella gestione dei tamponi"

"Come Cgil stiamo svolgendo una funzione costante e continua in merito alla tutela individuale del personale sanitario". Giuseppe Rucci, segretario funzione pubblica Cgil Chieti, torna a sollecitare la Asl Lanciano Vasto Chieti e le istituzioni sulla gestione dell'emergenza Coronavirus. 

"La situazione sta diventando molto complicata perchè, quanto meno tra gli iscritti, stiamo registrando un numero elevato di personale contagiato durante l'attività nei presidi ospedalieri. Per questo, con una ulteriore nota, abbiamo voluto ripuntualizzare alcune questione". Nel documento firmato da Cgil, patronato, Funzione pubblica e Filcams, si torna sul "corretto utilizzo dei DPI e l'applicazione delle procedure".

La Cgil chiede che "la Asl possa fornire quotidianamente il numero del personale contagiato, perchè di questo non abbiamo traccia. E sarebbe un dato importante perchè aprirebbe una serie di riflessioni relativamente a ciò che sta accadendo nella gestione del personale sanitario". E poi la questione dei tamponi. "La gestione della tempistica è molto lunga. Capiamo che ci sia un gran numero di tamponi da analizzare ma questo determina che la lungaggine delle risposte può comportare che un lavoratore potrebbe continuare a lavorare essendo positivo con tutto ciò che ne consegue. C'è anche la questione di chi è in sorveglianza sanitaria a casa. Per il secondo o terzo tampone, che possa certificare la guarigione, che deve attendere. Paradossalmente ci troviamo con operatori che sono guariti e potrebbero tornare a lavorare e coloro che probabilmente sono infettati e continuano a lavorare".

E c'è il timore che la situazione possa peggiorare perchè "nelle prossime settimane arriverà l'esito di moltissimi tamponi e temiamo che, così come è stata gestita la situazione fin qui, le cose possano peggiorare. Dispiace che, ad oggi, ci sono molti operatori che continuano a fare il loro lavoro con dedizione. Una maggiore attenzione rispetto a DPI e procedure sarebbe opportuna".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi