"Luci e ombre sugli ammortizzatori sociali", i sindacati abruzzesi: "Erogare in fretta i sussidi" - "Dietro i numeri ci sono famiglie che aspettano contributi per poter andare avanti"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


11 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Attualità 30/04

"Luci e ombre sugli ammortizzatori sociali", i sindacati abruzzesi: "Erogare in fretta i sussidi"

"Dietro i numeri ci sono famiglie che aspettano contributi per poter andare avanti"

Il direttore regionale dell'Inps, Luciano Busacca, ha fornito i dati sullo stato degli ammortizzatori sociali, aggiornati al 28 aprile. Sono 105.196, in regione, le domande per il bonus di 600 euro, di cui 78.084 in pagamento e 72.307 già pagate. Il dato più alto è quello della provincia di Teramo con 29.283 domande.

Per quanto riguarda invece la Cassa integrazione ordinaria (Cigo), le domande presentate in regione sono 8.818 (per 66.264 lavoratori interessati). Sempre Teramo in testa, seguita da Chieti, Pescara e L’Aquila. Sono 2517 le domande pervenute per il Fondo di integrazione salariale (Fis), mentre quelle per la Cassa integrazione in deroga, secondo i dati dell’Inps, sono 658 (per 1.518 lavoratori interessati). Di queste, 465 sono state già autorizzate (per 1.026 lavoratori). In testa la provincia di Pescara, seguita da Teramo, Chieti e L’Aquila.

"Secondo l’assessore al Lavoro, Piero Fioretti - osservano Carmine Ranieri, Leo Malandra, Michele Lombardo e Gianna De Amicis, segretari regionali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl – la Regione ha scaricato sul sito dell’Inps circa 2.000 domande. Un dato che non collima con quanto riportato dall'Inps per motivazioni di ordine tecnico. A oggi, tuttavia, circa 11.300 datori di lavoro hanno presentato domande di cassa in deroga per circa 30mila lavoratori. La prima domanda di cassa in deroga da parte della Regione è stata caricata sul sito dell’istituto previdenziale solo il 21 aprile, e il flusso informatico delle pratiche è arrivato il 22 aprile".

I sindacati sollecitano le aziende a inviare con tempestività i modelli SR41, necessari per consentire all'Istituto di Previdenza di erogare le somme nei conti correnti dei lavoratori.

I pagamenti per la cassa integrazione ordinaria stanno già arrivando sui conti correnti dei lavoratori, in particolare per oltre il 30% delle domande è già stato disposto il pagamento. La lavorazione delle richieste Fis procede più a rilento ma comunque oltre il 20% delle domande sono già state autorizzate dall'Inps. Fanalino di coda le casse integrazioni in deroga, con solo il 3% delle domande autorizzate.

L'assessore Fioretti ha comunicato ai sindacati che le comunicazioni all'Inps delle domande di cassa in deroga aumenteranno esponenzialmente nei prossimi giorni. "Ci auguriamo che sia vero - affermano i rappresentanti sindacali - perché è certo che bisogna fare presto. Non dimentichiamo che dietro ai numeri ci sono le famiglie in attesa di ricevere i sussidi per poter andare avanti, famiglie che chiedono i pacchi alimentari perché la cassa integrazione non arriva".
Ultimo dato preoccupante, secondo i sindacati, sono le 15mila domande di Naspi: nonostante il decreto Cura Italia impedisca i licenziamenti è notevole la mole di richieste avanzata dai lavoratori.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi