Università d’Annunzio, il nuovo ordinario di Urologia è il professor Schips - Il primario della Asl teatina è un luminare della chirurgia mini invasiva
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Cultura 09/05

Università d’Annunzio, il nuovo ordinario di Urologia è il professor Schips

Il primario della Asl teatina è un luminare della chirurgia mini invasiva

Luigi SchipsLuigi Schips è il nuovo professore ordinario di Urologia dell'Università Gabriele d’Annunzio di Chieti-Pescara. Si è conclusa, infatti, la procedura valutativa per la chiamata di un posto di professore di prima fascia, al termine della quale è stato individuato quale candidato pienamente qualificato, con provvedimento firmato dal rettore, Sergio Caputi.

Schips, direttore dell'unità operativa di Urologia della Asl Lanciano Vasto Chieti, è riconosciuto a livello europeo come uno dei massimi esperti in chirurgia urologica mini-invasiva. Si è dedicato per anni allo sviluppo della tecnica laparoscopica e robotica per il trattamento delle patologie benigne e maligne del rene e del surrene. Ha sviluppato e introdotto nella pratica clinica la chirurgia laparoscopica e robotica single port (con accesso singolo) per il trattamento delle patologie del rene e del surrene.

È inoltre autore di più di 150 pubblicazioni scientifiche su riviste peer-reviewed. Il gruppo di ricerca da lui diretto è presente ogni anno a numerosi congressi nazionali e internazionali, con lavori scientifici originali che gli sono valsi prestigiosi riconoscimenti.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi