In Abruzzo accettate 9.500 richieste di finanziamento per le imprese - Il presidente di CNA Abruzzo: "C’è stato un cambio di passo"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Attualità 26/05

In Abruzzo accettate 9.500 richieste di finanziamento per le imprese

Il presidente di CNA Abruzzo: "C’è stato un cambio di passo"

Approvate più di 9.000 pratiche di finanziamento alle imprese abruzzesiIn Abruzzo, fino a questa mattina, sono state accettate 9.519 richieste delle imprese per ottenere i finanziamenti dei decreti Cura Italia e Liquidità. I fondi erogati per finanziare le imprese abruzzesi sono pari a 337 milioni 167 mila 422 euro, per un importo medio di 35.821 euro a impresa (in Italia la media è di 44.450 euro). Le richieste inviate per ottenere gli aiuti finanziari sono state 3.163 nella provincia di Chieti, 2.328 a L'Aquila, 2.027 Pescara e infine Teramo, la provincia con il numero di pratiche più basso: 2.001.

Le pratiche accettate riguardanti le richieste di finanziamento fino a 25.000 euro sono state il 95%, circa 9.000.

"Avevamo criticato la lentezza del sistema bancario nel rispondere alle esigenze di un sistema produttivo colpito al cuore dall'emergenza Covid-19, ma siamo pronti a riconoscere che c'è stato un cambio di passo che pure avevamo sollecitato" ha dichiarato il presidente regionale di Cna Abruzzo, Savino Saraceni.

(Fonte: ANSA)

 

di Arianna Giampietro (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi