In Abruzzo accettate 9.500 richieste di finanziamento per le imprese - Il presidente di CNA Abruzzo: "C’è stato un cambio di passo"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Attualità 26/05

In Abruzzo accettate 9.500 richieste di finanziamento per le imprese

Il presidente di CNA Abruzzo: "C’è stato un cambio di passo"

Approvate più di 9.000 pratiche di finanziamento alle imprese abruzzesiIn Abruzzo, fino a questa mattina, sono state accettate 9.519 richieste delle imprese per ottenere i finanziamenti dei decreti Cura Italia e Liquidità. I fondi erogati per finanziare le imprese abruzzesi sono pari a 337 milioni 167 mila 422 euro, per un importo medio di 35.821 euro a impresa (in Italia la media è di 44.450 euro). Le richieste inviate per ottenere gli aiuti finanziari sono state 3.163 nella provincia di Chieti, 2.328 a L'Aquila, 2.027 Pescara e infine Teramo, la provincia con il numero di pratiche più basso: 2.001.

Le pratiche accettate riguardanti le richieste di finanziamento fino a 25.000 euro sono state il 95%, circa 9.000.

"Avevamo criticato la lentezza del sistema bancario nel rispondere alle esigenze di un sistema produttivo colpito al cuore dall'emergenza Covid-19, ma siamo pronti a riconoscere che c'è stato un cambio di passo che pure avevamo sollecitato" ha dichiarato il presidente regionale di Cna Abruzzo, Savino Saraceni.

(Fonte: ANSA)

 

di Arianna Giampietro (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi