"Immuni", l’app per tracciare il contagio si può scaricare: la sperimentazione parte dall’Abruzzo - Marsilio: "Collaboriamo anche se i ritardi potrebbero pregiudicarne l’efficacia"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Pescara   Attualità 02/06

"Immuni", l’app per tracciare il contagio si può scaricare: la sperimentazione parte dall’Abruzzo

Marsilio: "Collaboriamo anche se i ritardi potrebbero pregiudicarne l’efficacia"

Abruzzo, Marche, Puglia e Liguria. Parte da queste quattro regioni la sperimentazione di Immuni, l'app creata per tracciare il contagio da Covid-19. Se venisse scaricata da oltre la metà della popolazione, potrebbe consentire di intervenire tempestivamente a isolare eventuali, nuovi focolai di coronavirus. Servirà ad avvertire gli utenti che hanno avuto un'esposizione al rischio, anche se sono asintomatici. Annunciata per il 4 maggio, giorno in cui è iniziata la Fase due dell'emergenza, l'app è scaricabile da ieri. L'allugamento dei tempi è dovuto al fatto che, nella sua realizzazione, i tecnici hanno dovuto fare i conti con i problemi legati alla privacy dei cittadini. 

"Abbiamo dato la disponibilità della Regione alla sperimentazione di Immuni, nello spirito di leale collaborazione istituzionale che deve ispirare i rapporti tra i vari livelli dello Stato, tanto più in una situazione di emergenza”, dice il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio. “Come concordato con i ministri Speranza, Pisano e Boccia, abbiamo atteso il rilascio del parere ufficiale del Garante per la protezione dei dati personali, al fine di tutelare fino in fondo i diritti dei cittadini. Nel frattempo gli uffici competenti per la prevenzione sanitaria e i sistemi informatici hanno messo a punto l’interfacciamento delle relative piattaforme. Mi auguro che la sperimentazione vada a buon fine e che questo strumento possa dimostrarsi efficace, anche se è forte il timore che il ritardo con cui si sta partendo e le tante incertezze sul suo funzionamento possano ostacolarne l’avvio e pregiudicarne l’efficacia. L’Abruzzo – ha concluso Marsilio - non si tira indietro e anzi si dimostra una volta di più in prima fila nella lotta al coronavirus".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi