"Chiediamo maggiori tutele", oggi la 2ª assemblea dei lavoratori di spettacolo e cultura d’Abruzzo - Il 27 giugno manifestazione nazionale a Roma
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

L'Aquila   Attualità 15/06

"Chiediamo maggiori tutele", oggi la 2ª assemblea dei lavoratori di spettacolo e cultura d’Abruzzo

Il 27 giugno manifestazione nazionale a Roma

Si terrà oggi la seconda assemblea dei lavoratori dello spettacolo e della cultura d'Abruzzo. L'evento si terrà sulla piattaforma on line "Zoom" alle ore 19, è possibile trovare il link di partecipazione sulla pagina dell'evento a partire dalle 18 [QUI].

L'assemblea è organizzata dal coordinamento abruzzese del movimento nazionale Professionisti e Professioniste dello Spettacolo. Emergenza Continua che raggruppa i lavoratori dello spettacolo e della cultura italiana con l'obiettivo di portare all'attenzione delle istituzioni la grave situazione del settore seguita all'emergenza sanitaria. Le ultime difficoltà si aggiungono ad anni di precarietà e incertezze: "Non riconosciuti come categoria, definanziati e marginalizzati. Malattia, ferie, accesso agli ammortizzatori sociali e politiche di sostegno al reddito non rientrano mai, o quasi mai, nelle tutele per noi lavoratori dello spettacolo".

Il network è composto da coordinamenti territoriali (realtà, gruppi, collettivi regionali e/o settoriali), riuniti in un’assemblea permanente e pubblica che si riunisce (virtualmente sul web) una volta ogni due settimane ed è strutturato in un gruppo nazionale e 4 tavoli di lavoro operativi e interconnessi, ai quali prendono parte i referenti locali. 

L'obiettivo è interfacciarsi con tutte le entità e realtà pubbliche e private già al lavoro in questa direzione e stimolare le istituzioni e il Parlamento verso una radicale riforma culturale con al centro le tutele e i diritti dei lavoratori di realtà micro e macro e il pieno riconoscimento del lavoro intermittente "per ribadire che la Cultura è di tutti e tutte e non può essere elitaria, che la cultura è un bene, sociale, civile ed economico, è un bene primario, Per ribadire che, proprio poiché la Cultura e lo Spettacolo sono un servizio e  una funzione fondamentale delle comunità e della società, sono anche un lavoro".

"L’emergenza scoppiata a febbraio – continuano dal coordinamento nazionale – non ha fatto altro che evidenziare ancora una volta la fragilità del nostro comparto lavorativo, confinato in una forma di emergenza continua dovuta alla precarietà strutturale in cui versa. In altri stati europei, dove ai lavoratori dello spettacolo è riconosciuto lo statuto di intermittenza, e in virtù del quale viene riconosciuto un indennizzo, nei giorni di non-lavoro, maturato attraverso i contributi versati, non è stato necessario correre frettolosamente ai ripari con misure emergenziali, scoordinate e insufficienti".

Tutte queste istanze saranno ribadite in occasione della mobilitazione nazionale del 27 giugno a Roma, argomento, questo all'ordine del giorno dell'assemblea regionale odierna.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi