Slittano i saldi: si parte sabato 1° agosto - Decisione per compensare le perdite del lockdown
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Attualità 17/06

Slittano i saldi: si parte sabato 1° agosto

Decisione per compensare le perdite del lockdown

L’inizio della stagione dei saldi estivi in Abruzzo slitta a sabato 1 agosto. Niente sconti, quindi, dal 4 luglio come accadeva ormai da anni. Una scelta presa dalla Regione Abruzzo, già a metà maggio, per consentire agli operatori commerciali di poter recuperare, almeno in minima parte, le vendite saltate a causa del prolungato lockdown conseguente alla pandemia del Coronavirus.

Una decisione, inoltre, voluta con forza da Federmoda che ha commissionato anche un sondaggio nazionale tra la categoria che, a maggioranza, ha optato per il posticipo dei saldi estivi.

Marisa Tiberio, presidente provinciale Confcommercio Chieti, spiega: "Intere collezioni primaverili sono rimaste incellofanate nei negozi e riaprire le attività non ha significato, purtroppo, ripartire dal momento che la categoria lamenta cali di fatturato per una percentuale che varia dal 70% al 90%. Siamo di fronte, quindi, ad una vera e propria catastrofe commerciale che si spera venga mitigata con i saldi di stagione. Non c’è ancora una propensione alla spesa ed al consumo ma fa ben sperare il ripristino delle cerimonie che rimetterà in moto una filiera importante che, tra le tante cose, comprende abbigliamento, calzature, pelletterie, liste nozze, bomboniere, tipografie, agenzie di viaggio e di fotografia. Basti pensare che in Italia, finora sono stati annullati e rinviati 60 mila matrimoni".

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi