Truffa sulle ore di lezione e di tutoraggio: nei guai docente di Medicina e Chirurgia di Chieti - Dati falsati sul registro elettronico
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Cronaca 17/06

Truffa sulle ore di lezione e di tutoraggio: nei guai docente di Medicina e Chirurgia di Chieti

Dati falsati sul registro elettronico

Faceva risultare molte più ore di lezione e tutoraggio di quelle effettivamente tenute. Per questo motivo un docente del corso di laurea in Medicina e Chirurgia dell'Università "D'Annunzio" di Chieti è stato interdetto e dovrà rispondere delle accuse di falso e truffa ai danni di un ente pubblico.

A scoprire quanto accadeva all'interno dell'ateneo sono stati i finanzieri e la procura della Repubblica del tribunale di Chieti. Dal riscontro sull'effettiva presenza del docente – che ricopre anche il ruolo di primario di una Unità Operativa Complessa nel locale ospedale clinicizzato – è emerso che nel 2019 avrebbe "ripetutamente e falsamente comunicato, mediante annotazione sul registro elettronico, un numero di lezioni ed attività di tutoraggio di gran lunga superiori a quelle verificate dai riscontri effettuati". Gli inquirenti hanno raccolto anche le testimonianze di numerosi studenti del corso di laurea verificando le modalità di effettuazione dell’attività didattica e la reale presenza del professionista.
"Le indagini – spiegano le fiamme gialle teatine – hanno così permesso di appurare una netta differenza tra le ore certificate nel registro elettronico e quelle effettivamente somministrate; l’attività investigativa, inoltre, è stata sviluppata anche a mezzo di attività tecniche e acquisizioni documentali che hanno contribuito efficacemente a comporre il quadro gravemente indiziario a carico del professionista". 

Le indagini preliminari sono state dirette dal procuratore della Repubblica, Francesco Testa, e dal sostituto procuratore Giancarlo Ciani"L’intervento odierno rimarca, ancora una volta, il proficuo coordinamento tra la Procura di Chieti e il corpo della guardia di finanza, organo di polizia economico-finanziaria capace di garantire un efficiente sistema di controllo a tutte le condotte che creano nocumento agli obiettivi di politica sociale e perseguiti anche dall’autorità di Governo", concludono i finanzieri.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi