La diga di Chiauci ancora ferma a una capienza di 4 milioni di metri cubi, "Cosa si sta facendo?" - Il Pd provinciale: "Cosa si sta facendo?"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Chieti   Politica 21/06

La diga di Chiauci ancora ferma a una capienza di 4 milioni di metri cubi, "Cosa si sta facendo?"

Il Pd provinciale: "Cosa si sta facendo?"

Foto di repertorioLa capienza della diga di Chiauci resta a 4 milioni di metri cubi, sono ancora lontani i 14 milioni di metri cubi di potenziale disponibilità una volta conclusi i lavori di messa in sicurezza del fronte roccioso e il completamento delle altre opere. L'eterno tema torna ancora una volta, all'inizio dell'estate, d'attualità. 

È il Pd provinciale a riportarlo a galla dopo la recente nomina dell'avvocato Michele Modesti a commissario del Consorzio di Bonifica al posto di Franco Amicone. L'invaso oltre a dissetare i campi della valle del Trigno rifornisce San Salvo (zona industriale e marina) e Vasto Marina.

"La carenza di acqua nel Vastese si fa sentire e i costanti razionamenti da parte della Sasi ne sono una dimostrazione. In considerazione anche della stagione estiva già iniziata, sollecitiamo la Regione Abruzzo a rendere noto cosa stanno facendo e a che punto sono i lavori. Ci rammarica sottolineare che il Vastese, ancora una volta, è fuori, dall’agenda politica di una Regione a guida centrodestra che continua con i soliti spot e slogan senza dare risposte concrete", dicono Gianni Cordisco, segretario provinciale Pd Chieti e i segretari del Vastese.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi